Dichiarazioni di Franca Peroni segretaria nazionale FP-CGIL e
Adriano Forgione, coordinatore nazionale FP-CGIL VVF

Cosa mai di negativo e triste è accaduto nei primi anni di vita dell'ineffabile ministro Brunetta, da renderlo così rancoroso nei confronti degli altri, a partire dai lavoratori e lavoratrici pubblici?
 
Il problema della giustizia non è garantire ai magistrati che lavorano quotidianamente in frontiera contro la criminalità, protezione e strumenti, ma controllarli con i tornelli affinché, finalmente, timbrino il cartellino; e così via con impiegati, bidelli, ingegneri, maestre, educatori, vigili urbani, infermieri…
 
Poteva la furia distruttrice del “Nostro” non scagliarsi anche contro i Vigili del Fuoco? Figuriamoci!

Poco importa se quotidianamente - è successo anche ieri, in gran parte del Paese, viste le condizioni meteo - molti lavoratori sono in straordinario o vengono distolti dal meritato riposo e richiamati in servizio.

Poco importa se da anni il Corpo è pesantemente sotto organico, tanto da poter "vantare" una carenza drammatica rispetto agli standard (quello europeo prevede 45.000 unità, attualmente in servizio ce ne sono 26.000), oltre tutto, con idonei a concorsi pubblici e riservati ancora attivi che attendono da anni un’opportunità di assunzione e con migliaia di precari che, a luglio 2009 - come avverrà per tutti gli altri nei servizi pubblici - torneranno a casa.

"Chi se ne frega" se tanti, troppi, di questi vigili hanno inabilità parziali o significative dovute ad infortuni sul lavoro che, rammentiamo sommessamente, è tra i più rischiosi e disagiati esistenti…tanto per quelli morti in servizio basta ed avanza una medaglia!

E se i mezzi sono vecchi ed inadeguati, se le sedi operative cadono a pezzi, se, talvolta, gli elicotteri non si alzano in volo perché non ci sono più soldi per il carburante, non è certo un problema dell'ineffabile Ministro!

Suo è, però, il grande risultato di aver abbattuto del 50% (???) le assenze di questi "fannulloni" ed assenteisti: complimenti signor Ministro, ma ora attendiamo con ansia anche i tornelli per le autopompe e le autobotti!!!

Al ministro competente, On.le Maroni, chiediamo di non frequentare cattive compagnie e di impegnarsi a risolvere i problemi reali del Corpo, gli stessi che hanno indotto CGIL CISL e UIL VVF a dichiarare lo stato di agitazione e ad aprire una specifica vertenza: copertura delle carenze di organico attraverso la restituzione del 100% del turn over, adeguamento delle risorse in bilancio commisurate ai compiti del Corpo, reperimento delle risorse necessarie per un rinnovo contrattale che si possa considerare almeno decente!

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

DMO Expo Tuscia a Viterbo, Montefiascone e Bolsena

Continuano a pieno ritmo le attività della DMO Expo Tuscia. Dopo gli appuntamenti al TTG/Rimini...

VITERBO: PASSEGGIANDO DAL QUARTIERE RESPOGLIO ALLA QUERCIA LUNGO LO STORICO PERGOLATO

Attualmente a Viterbo il quartiere Respoglio è collegato a La...

San Pellegrino in Fiore, eventi a Viterbo Sotterranea

San Pellegrino in Fiore, domenica a Viterbo SotterraneaDomenica in programma visite guidate alla...

TV, Osvaldo Bevilacqua e Sergio Cesarini promuovono Viterbo

Osvaldo Bevilacqua, giornalista detentore dal 2015 del Guinness World Records TV per il Travel...

Bolzano, Loacker: dolce ricetta aziendale dalla squisita bontà famigliare

Sostenibilità significa avere uno stile di vita rispettoso delle risorse a disposizione, in grado...

DOBBIAMO MOLLARE? /riflessioni su TarquiniaCittà di Luigi Daga. Cita le infiltrazioni mafiose a Tuscania

A seguire l\'articolo scritto 15 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Domenica 3 dicembre gratis a Palazzo Farnese di Caprarola e Villa Lante

Un’occasione da non perdere per visitare Villa Lante il meraviglioso parco con i suoi giardini...