Il movimento sociale fiamma tricolore fa proprie le istanze e le lamentele del personale della polizia di stato di Napoli e dei sindacati di categoria che lamentano delle condizioni strutturali ed architettoniche della Caserma “Nino Bixio”.
Per oltre 60 anni infatti questa struttura è stata utilizzata dalla Polizia di Stato quale sede di diversi enti quali il Reparto Celere, successivamente denominato IV Reparto Mobile e, dal 1995, e il Reparto Prevenzione Crimine Campania.

Ma, come tutte le cose che “sanno” di storia, il complesso della caserma Bixio, si trova ormai a dover fare i conti con anni di incuria e degrado. Incuria e degrado molte volte denunciato da coloro che all’interno di quella struttura hanno l’onore/onere di lavorare.

Di fronte alle ripetute richieste di ristrutturazione, messa a norma, adeguamento e messa in sicurezza, avanzate negli anni dalla Dirigenza del Reparto Mobile, il Comune di Napoli, proprietario della struttuttura, ha sempre fatto orecchie da mercante, lasciando che il monumentale complesso venisse abbandonato all’azione del tempo, fino a diventare una sorta di rudere a memoria di un’antica gloria. Una gloria che la classe dirigente partenopea ha deciso che la città e i suoi cittadini per bene, non debbano avere!

Il movimento sociale – fiamma tricolore chiede l’immediata ristrutturazione della caserma Bixio!

Il comune di Napoli deve farsene immediato carico di ciò, sia per rispetto delle leggi sulla sicurezza sui luoghi di lavoro, che per rispetto di coloro che ci lavorano, e che rischiano quindi la propria incolumità, oltre che per salvaguardare una struttura che ha la sua storia e il suo carico simbolico. Deve farsene carico preferendo queste “spese” agli incarichi a consulenti esterni alla struttura municipale!

Proponiamo, in altrernativa la cessione dell’immobile dal comune al ministero dell’interni, che possa in questo modo, farsi carico delle spese di ristrutturazione urgenti e che possa mettere fine a questo penosa situazione.
Chiediamo tutto ciò al sindaco di Napoli e al ministro Maroni.

In alternativa saremo Noi, militanti della fiamma tricolore, accompagnati da tutti coloro  che hanno a cuore il valore della caserma Bixio, e l’importanza sociale dell’operato di coloro che all’interno (e al di fuori) ci lavorano, ad attivarci con iniziative atte a trovare quei soldi che occorrono per le riparazioni e al messa a norma della struttura!

Elemosineremo tra le strade della città! Ed i napoletani, la maggioranza sana e silenziosa, di sicuro risponderà dando il proprio contributo e ringraziando gli agenti della Polizia di Stato!

Un grazie che il sindaco  forse non intende dare!

Giovanni Demarco
Responsabile Nazionale Difesa e Sicurezza

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

DOBBIAMO MOLLARE ? /l'ultimo articolo su Tarquinia Città di Luigi Daga. Parla anche della mafia a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...

Italia Nostra Etruria: su completamento SS 675 decisivo solo parere Corte di Giustizia Unione Europea

Non siamo appassionati delle corse della politica ad accreditarsi meriti spesso poco reali sui...

Viterbo, terremoto oggi: scossa di terremoto ad Arlena di Castro

Lazio, ultime notizie Tuscia: scossa di terremoto di oggi in provincia di Viterbo. Un...

RICORDIAMO PEPPINO IMPASTATO NELL' ANNIVERSARIO DELLA MORTE

Ricorre l'anniversario della morte di Peppino Impastato, assassinato dalla mafia il 9 maggio...