E' con viva soddisfazione che accolgo il risultato del voto unanime del Consiglio Provinciale riguardo alla proposta di Rifondazione comunista circa l'inclusione del sito archeologico di Falerii Novi all'interno del patrimonio culturale dell'UNESCO e rinnovo i ringraziamenti al rettore Mancini e alla dottoressa Moretti della Sovrintendenza, che per primi hanno promosso questa iniziativa.

Falerii Novi è un esempio unico assieme a Pompei, Ercolano ed Ostia antica, di città romana sostanzialmente conservata senza la sovrapposizione di nuovi livelli abitativi e senza esser stata rasa al suolo durante il lungo alternarsi delle vicende belliche degli ultimi 1500 anni.

La cinta muraria ancora sostanzialmente integra e la tecnica costruttiva impiegata rappresentano una testimonianza unica nel suo genere in Italia e paragonabile solo ad a due altri casi in Europa.

All'interno della città è ubicata un'abbazia cistercense che rende ancor più suggestivo l'affacciarsi dello sguardo su quegli ettari selvaggi, ma l'attrattiva maggiore del sito rimane ancora nascosta sotto terra. A parte la zona centrale, non sono state ancora portate alla luce gli edifici e i quartieri della città che fu. Come dimostrato dalle prospezioni effettuate dall'università inglese di South Hampton, rimangono sepolti palazzi di rilevante dimensioni e colonne ancora in piedi, strutture in muratura di parecchi metri di altezza e centinaia di metri quadri di ambienti ipogei.

Il sito si trova a pochi chilometri dal forte San Gallo di Civita Castellana, dal Palazzo Farnese di Caprarola, da Sutri e Nepi, nel bel mezzo del sistema delle forre e dello snodarsi della antica Via Amerina che, per altro, attraversa la città stessa. Appare quantomeno evidente l'importanza e la centralità di Falerii Novi per la realizzazione di un sistema turistico integrato tra più comuni, che possa fornire ai turisti un'offerta completa di bellezze storiche e naturali, di servizi, di tipicità eno-gastronomiche e al contempo uno sbocco reale per un'area sofferente della Tuscia.

La zona interessata infatti corrisponde al distretto industriale che gravita attorno a Civita Castellana, che va ricordato produce il 50% del PIL di questa provincia, pur senza ricevere un proporzionato ritorno in termini di servizi e investimenti.

La chiusura definitiva del comparto delle stoviglierie e il dilagare dell'uso dell'istituto della cassa integrazione anche in imprese del settore trainante dei sanitari, lasciano facilmente presagire un immediato futuro non certo roseo per la bassa Tuscia.

O ci si sveglia ora, finchè c'è ancora un patrimonio da valorizzare e una ricchezza da creare in loco o avremo poco da lamentarci quando saremmo ridotti ad una squallida periferia dell'hinterland romano. Per questo ringrazio il consiglio provinciale e l'assessore Trappolini per gli impegni contratti quest'oggi coi nostri concittadini della bassa Tuscia.

 

Riccardo Fortuna

consigliere alla Provincia di Viterbo

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Mafia, Viterbo: incendiata auto del costruttore Domenico Merlani, spari su elicottero

La notizia che il Sindaco di Capodimonte a bordo di un velivolo leggero con altre 5 persone sia...

PALAZZO E VILLA FARNESE, CAPRAROLA: COSA VEDERE, VISITE GUIDATE EMOZIONALI

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

DOBBIAMO MOLLARE? /ultimo articolo su TarquiniaCittà di Luigi Daga. La mafia anche a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Tesori di Etruria: scopriamo il Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...