Ultime news - UnoNotizie.it - Obiettivo dell’incontro, fare il punto di situazione sullo stato di implementazione delle iniziative scaturite dal recente summit Nato di Varsavia e sulle tematiche del fianco Sud della Nato, in vista della ministeriale Nato del 15 e 16 febbraio e del prossimo mini vertice dell’Alleanza che si svolgerà nel primo semestre dell’anno.

Temi sui quali il Ministro Pinotti si è confrontata con gli omologhi di Francia, Jean-Yves Le Drian, Spagna, Maria Dolores de Cospedal Garcia e Portogallo, Josè Alberto Azeredo Lopes. Al termine della “quadrilaterale”, che si è svolta nel Palazzo della Borsa, i Ministri hanno firmato una lettera congiunta che sarà consegnata al Segretario Generale della Nato, Jens Stoltenberg.

I quattro ministri, condividendo una visione a 360 gradi delle sfide dell’Alleanza, si sono soffermati sui nuovi scenari di sicurezza che impongono un processo di adattamento dell’Alleanza per consentirle di affrontare adeguatamente le minacce future da qualsiasi fronte esse provengano.

Per l’Italia, come ha sottolineato il Ministro Pinotti, alla base di tale processo di adeguamento i principi di coesione, solidarietà ed unità d’intenti devono rappresentare comunque il cuore delle modalità di azione della Nato.

Quella di Oporto è la terza riunione “quadrilaterale”. Prima c’erano stati gli appuntamenti di Venezia e Tolone. Un’occasione di confronto con “formula mediterranea” che come ha sottolineato il Ministro Pinotti al termine della riunione, va mantenuta per allineare le convergenze sui temi di interesse comune.

“Durante il vertice del Galles siamo riusciti a portare il nostro punto di vista, cioè che le minacce per l’Alleanza vanno considerate non solo da est ma anche da sud” ha spiegato il Ministro che ha aggiunto “quando si parla di minacce da sud si parla di minacce a 360 gradi, difficili da combattere perché il terrorismo usa armi non convenzionali, ma è importante che un’Alleanza come la Nato dia un suo apporto al contrasto di questa minaccia”.

Per quanto concerne le iniziative Nato sul fianco sud, l’Italia ha ribadito l’importanza di assicurare risorse finanziarie e umane adeguate. A tal proposito è quanto mai prioritaria l’attivazione del Regional Hub presso il Comando Congiunto di Napoli – Joint Force Command Naples – ed assicurargli le risorse necessarie al operare in sinergia con gli altri attori regionali coinvolti, UE in primis.

Sul tavolo infine l’esigenza di implementare una strategia condivisa nell’ambito di una cooperazione Nato - Unione Europea nell’area mediterranea, che favorisca un efficiente utilizzo delle risorse comuni. “Ora – ha detto il Ministro – questo coordinamento tra UE e Nato deve diventare concreto, pragmatico, pratico oltre che strategico”.

L’Italia in occasione del CAE Difesa dello scorso aprile aveva avanzato una proposta per la costituzione di un meccanismo di coordinamento Nato - Ue nel Mediterraneo, e la Dichiarazione Congiunta firmata durante il vertice Nato di Varsavia ha aperto la strada alla individuazione di aree di lavoro comune per le due organizzazioni.

“Ora - ha spiegato il Ministro Pinotti - occorre rendere ancora più efficace la cooperazione Nato - Ue rendendo istituzionale il meccanismo di coordinamento”.

Sul piano operativo, basilare anche accrescere ulteriormente l’attuale sinergia tra le Operazioni “Sea Guardian” e “Sophia” mediante un impego complementare nell’ambito dell’intero bacino mediterraneo.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Mafia, Viterbo: incendiata auto del costruttore Domenico Merlani, spari su elicottero

La notizia che il Sindaco di Capodimonte a bordo di un velivolo leggero con altre 5 persone sia...

PALAZZO E VILLA FARNESE, CAPRAROLA: COSA VEDERE, VISITE GUIDATE EMOZIONALI

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

DOBBIAMO MOLLARE? /ultimo articolo su TarquiniaCittà di Luigi Daga. La mafia anche a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Tesori di Etruria: scopriamo il Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...