Ultime news - Unonotizie.it - È un nuovo tipo di caporalato quello scoperto dagli investigatori della Polizia di Stato, in collaborazione con i militari della Guardia di finanza, al termine dell’indagine conclusa oggi in Puglia con l’arresto di sei persone, cinque delle quali sono finite in carcere e una ai domiciliari.

Gli indagati devono rispondere dell’accusa di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, aggravato e continuato, truffa aggravata e truffa ai danni dello Stato.

I provvedimenti sono stati eseguiti dai poliziotti del commissariato di Andria insieme agli agenti della compagnia della Guardia di finanza di Trani.

L’attività investigativa è iniziata dopo la morte della bracciante agricola Paola Clemente, avvenuta il 13 luglio 2015, a causa di un malore che l’ha stroncata mentre lavorava sotto il sole cocente nelle campagne di Andria.

L’indagine ha accertato come l’apparente lecita assunzione di braccianti agricoli a mezzo di agenzie di lavoro interinali nascondesse, in realtà, una vera e propria forma di moderno “caporalato", mascherato con qualche parvenza di regolarità.

I braccianti sottoscrivevano i contratti di lavoro con l’agenzia di lavoro interinale che a sua volta aveva accordi con le aziende agricole per la collocazione della forza lavoro reclutata, con relativa emissione di regolari buste paga.

In realtà i lavoratori venivano sottopagati utilizzando il "sistema delle giornate" che attribuiva loro un numero minore di giornate lavorative, senza conferirgli le indennità di trasferta previste e gli straordinari effettuati.

In questo modo una giornata di lavoro che iniziava alle 3.30 del mattino con la partenza dalla provincia di Taranto, dove tornavano intorno alle 15.30, costava all’azienda agricola solo 30 euro, a fronte delle 86 che avrebbe dovuto pagare, rendendo così i lavoratori dei veri e propri schiavi agricoli.

Il bracciante si trovava quindi di fronte all’alternativa di lavorare a queste condizioni, con un contratto che assicurava una parte di garanzie e contributi, vedendosi però riconosciute meno giornate lavorative di quelle effettuate, oppure cercarsi un lavoro completamente in nero.

Dietro le sbarre sono finiti tre dipendenti dell’agenzia interinale per la quale le vittime lavoravano, il titolare dell’azienda di trasporto che portava in pullman i braccianti fino ad Andria e una donna che aveva il compito di “controllare” le lavoratrici sui campi; ai domiciliari è finita invece la moglie del titolare della ditta di trasporto, che risultava falsamente assunta come bracciante agricola, percependo indebitamente tutta una serie di indennità.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Mafia, Viterbo: incendiata auto del costruttore Domenico Merlani, spari su elicottero

La notizia che il Sindaco di Capodimonte a bordo di un velivolo leggero con altre 5 persone sia...

PALAZZO E VILLA FARNESE, CAPRAROLA: COSA VEDERE, VISITE GUIDATE EMOZIONALI

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

DOBBIAMO MOLLARE? /ultimo articolo su TarquiniaCittà di Luigi Daga. La mafia anche a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Tesori di Etruria: scopriamo il Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...