Negli ultimi giorni anche a Viterbo stiamo subendo il diffondersi del “virus” da poltrona e da coinvolgimento.

Assistiamo perplessi ed attoniti alla straripante generosità di Marini nel elargire deleghe a tutti.

Questo nuovo Re Sole (o solo?) della politica viterbese, forse folgorato dal vero detentore dell’impero in cui non tramonta mai il sole, Berlusconi, ha predisposto una valanga di delega tra le quali  anche quella per la verifica dell’attuazione del programma, estremamente utile a Berlusconi per rabbonire i “cespugli governativi”, ma forse inutile nella nostra Città (scusate l’eufemismo).

Attoniti, appunto, perché riteniamo che il Sindaco abbia decisamente disatteso le promesse fatte in campagna elettorale; in quella fase infatti sostenne che 9 assessori erano troppi, che Viterbo è una realtà piccola che può essere gestita da sei (come fu con Meroi) o da otto assessori (come il Gabbianelli I).

Oggi ci troviamo invece a leggere pagine e pagine di giornali il cui filo conduttore sono le deleghe, gli strapuntini per la “gestione collegiale” della Città.

Poveri noi, ma alla Città, realmente, chi ci pensa?

Non volendo entrare minimamente nell’analizzare ogni singola delega, ci limitiamo a constatare che gli effetti di tale provvedimento e le reazioni dei principali esponenti del PDL mal celano, o meglio evidenziano, la vera natura di questa operazione, altro che coinvolgimento della popolazione.

Non volendo soggiacere ad una logica di menefreghismo di fronte a cotanto scempio, ed avendo un dovere morale nei confronti della popolazione e del nostro elettorato,abbiamo deciso di scendere in piazza.

Andare tra la gente per coinvolgerla veramente, per una  vera partecipazione popolare.

Riteniamo opportuno far sapere alla cittadinanza che noi stiamo con la gente e non faremo mai i  cavalier serventi!

Dai risultati di questa prima uscita in piazza trarremo i dovuti spunti per presentare delle proposte di delibera di iniziativa popolare da sottoporre al Presidente del Consiglio Comunale.

Siamo convinti che così facendo potremmo dare un’alternativa alla gente che quasi con rassegnazione si rivolge ad una classe politica che è molto attenta alle dinamiche interne, ma molto meno alle problematiche dei cittadini.

La federazione provinciale de La Destra annuncia, quindi, che sabato 22 novembre a piazza delle Erbe verrà installato un gazebo per predisporre un centro di ascolto delle reali problematiche che i cittadini riterranno utile sottoporre, nostro tramite, alla cittadinanza tutta ed all’Amministrazione Comunale.

 

LA DESTRA

Federazione Provinciale Viterbo

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

DOBBIAMO MOLLARE ? /l'ultimo articolo su Tarquinia Città di Luigi Daga. Parla anche della mafia a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...

Italia Nostra Etruria: su completamento SS 675 decisivo solo parere Corte di Giustizia Unione Europea

Non siamo appassionati delle corse della politica ad accreditarsi meriti spesso poco reali sui...

Viterbo, terremoto oggi: scossa di terremoto ad Arlena di Castro

Lazio, ultime notizie Tuscia: scossa di terremoto di oggi in provincia di Viterbo. Un...

RICORDIAMO PEPPINO IMPASTATO NELL' ANNIVERSARIO DELLA MORTE

Ricorre l'anniversario della morte di Peppino Impastato, assassinato dalla mafia il 9 maggio...