Ultime news - Unonotizie.it - "Il governo è pronto al confronto" dopo i referendum sull'autonomia di Lombardia e Veneto. Lo ha ribadito il premier Paolo Gentiloni nel corso di una visita alla raffineria Eni di Porto Marghera. "Lo dico qui a Venezia, la capitale del Veneto come piace chiamarla al sindaco Brugnaro: guardo con interesse, rispetto e disponibilità alla discussione che si è aperta".

"Il governo è aperto al confronto nel merito con le Regioni per discutere su alcune funzioni, se delegandole alle Regioni ci potrà essere maggiore efficienza. Vedremo quali funzioni e a che condizioni - ha sottolineato il premier - Certo, non nascondo che sarà una discussione complessa, ma siamo pronti a farla ovviamente nei limiti fissati dalle nostre leggi e dalla nostra Costituzione". Poi ha puntualizzato, chiaramente "qui si discute di come far funzionare meglio l'Italia, non si discute dell'Italia e della sua unità". "Non abbiamo bisogno di ulteriori lacerazioni, ma bisogna ricucire le lacerazioni sociali che la crisi ha provocato", ha detto il premier.
 
 
''Le nostre città - ha continuato - sono sempre state nella storia del nostro Paese il luogo dell'identità e della proiezione internazionale, e forse Venezia ne è uno dei simboli più straordinari, perché i veneziani si sentono molto veneziani, ma si sentono italiani, si sentono europei, si sentono cittadini del mondo, e da qualche secolo non da qualche anno''. ''E questa identità è una delle carte da giocare per il nostro futuro - ha sottolineato - abbiamo bisogno di essere fieri della nostra identità, non contro qualcuno ma perché essere cittadini del mondo oggi è possibile solo avendo radici, ed avere radici - ha concluso - in una città come Venezia e Marghera, che fa parte del futuro di Venezia, è molto importante''.

Le parole di Gentiloni arrivano dopo che il governatore del Veneto Luca Zaia, forte del risultato del referendum, ha chiesto tutte le 23 competenze e anche la modifica costituzionale perché la regione diventi a Statuto Speciale. Una linea non condivisa dal presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni che oggi ha spiegato: "Il nostro quesito non prevede lo statuto speciale, quindi, anche volendo, non potrei intraprendere questo percorso. Rispetto ovviamente le scelte di Zaia - ha però aggiunto - e lo sosterrò in questa sua iniziativa, vedremo se riusciremo a fare una trattativa comune".

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

TV, Osvaldo Bevilacqua e Sergio Cesarini promuovono Viterbo

Osvaldo Bevilacqua, giornalista detentore dal 2015 del Guinness World Records TV per il Travel...

Bolzano, Loacker: dolce ricetta aziendale dalla squisita bontà famigliare

Sostenibilità significa avere uno stile di vita rispettoso delle risorse a disposizione, in grado...

DOBBIAMO MOLLARE? /riflessioni su TarquiniaCittà di Luigi Daga. Cita le infiltrazioni mafiose a Tuscania

A seguire l\'articolo scritto 15 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

VITERBO: A PIEDI DAL QUARTIERE RESPOGLIO ALLA QUERCIA ATTRAVERSANDO LO STORICO PERGOLATO

Attualmente a Viterbo il quartiere Respoglio è collegato a La...

Domenica 3 dicembre gratis a Palazzo Farnese di Caprarola e Villa Lante

Un’occasione da non perdere per visitare Villa Lante il meraviglioso parco con i suoi giardini...

Tuscia, a Viterbo prende forma la prima Comunità Energetica locale

È stata costituita a Viterbo, su iniziativa di un gruppo di cittadini, la Comunità Energetica...

Mega-antenna vicina alla storica Basilica della Quercia a Viterbo

Uno scempio contro il paesaggio di Viterbo e i suoi pregevoli monumenti, e un rischio per la...