Dopo le Feste del Vino di questa estate e le Feste della Castagna dello scorso autunno, la Camera di Commercio di Viterbo e la Provincia di Viterbo, propongono la terza edizione delle Feste dell’Olio della Tuscia, un itinerario che collega borghi medievali, sapori, arte e tradizioni.

Protagonisti della manifestazione sono Comuni e Pro loco che fino all’8 dicembre presentano un cartellone ricco di eventi folcloristici, stand enogastronomici, musica e convegni, degustazioni guidate in collegamento con l’iniziativa regionale “Frantoi Aperti 2007” realizzato da Arsial e dall’Assessorato all’Agricoltura della Regione Lazio.

Le Feste dell’Olio della Tuscia 2008 si svolgono a: Blera (15-16 e 22-23 novembre), Canino (29-30 novembre e 6-8 dicembre), Soriano nel Cimino (7-8 dicembre), Vetralla (29-30 novembre e 6-8 dicembre).

Le Feste dell’Olio, quindi, come occasione di convivialità, riscoperta delle tradizioni, escursioni nei centri storici medievali, ma anche passione per un prodotto di qualità che nella provincia di Viterbo fin dagli Etruschi è frutto di un grande amore per la terra.

La Camera di Commercio e la Provincia di Viterbo per promuovere le Feste dell’Olio della Tuscia hanno programmato una serie di iniziative pubblicitarie nella provincia e nella Capitale che riguardano affissioni in città e nelle stazioni della Metro, nonché inserzioni su quotidiani, periodici, radio e guide agli eventi.

 

Inoltre la Camera di Commercio di Viterbo in collaborazione con il Comune di Viterbo, di Slow Food Viterbo-Tuscia e dell’Associazione Panificatori e Pasticceri di Viterbo ha organizzato gustandOlio, itinerario gastronomico con degustazioni guidate ed eventi dedicati agli oli extravergine di oliva DOP Tuscia e DOP Canino e ai prodotti tipici di qualità, in programma dal 22 al 30 novembre nel centro storico di Viterbo.

 

“Per questa edizione delle Feste dell’Olio della Tuscia – ha dichiarato Ferindo Palombella, presidente della Camera di Commercio di Viterbo – abbiamo compiuto un ulteriore sforzo per elevare il numero di soggetti coinvolti tra enti locali, organizzazioni e imprese. Il vantaggio che ne deriva è il rafforzamento dell’azione promozionale che non limita i suoi benefici al singolo prodotto, in questo caso l’olio, ma si estende ai panificatori, agli esercizi commerciali specializzati in prodotti tipici, ai ristoranti, al turismo enogastronomico”.

 

“La Tuscia – ha spiegato Mario Trapè, assessore all’agricoltura della Provincia di Viterbo – ha un eccellente patrimonio di olivicoltura, garantito nella sua genuinità e tipicità. Ma affinché sia veramente apprezzato dobbiamo stimolare le aziende agricole a vendere il meno possibile l’olio sfuso e convincerle a puntare sul prodotto confezionato, perché questo significa etichettatura, descrizione dell’identità, tracciabilità. Tutti elementi distintivi che possono indurre i consumatori a scegliere il vero olio extravergine di qualità”.

 

Per Franco Rosati, segretario generale della Camera di Commercio, emblematica è la risposta di numerose aziende: “La promozione attraverso il marchio Tuscia Viterbese sta contagiando le imprese che colgono sempre più i benefici derivanti dal fare parte di un sistema che ha una sua precisa identità territoriale e dove vengono perseguiti elevati standard qualitativi”.

 

Significativo è stato il momento in cui Maurizio Vassallo, consigliere dell’Associazione nazionale Città dell’Olio consegnando la bandiera ufficiale al presidente Palombella, ha sancito l’ingresso della Camera di Commercio di Viterbo nel prestigioso organismo che riunisce le più importanti città italiane di produzione dell’olio.

 

Alla conferenza stampa sono intervenuti tra gli altri: i sindaci di Viterbo Giulio Marini, di Blera Piero Mazzarella, di Canino Lina Novelli; i rappresentanti delel Pro loco di Vetralla e Soriano nel Cimino; i rappresentanti delle Associazioni di categoria Luigi Pasqualetti di Confagricoltura e Nazareno Bianchi della CIA; Patrizio Mastrocola, responsabile della Condotta Slow Food Viterbo-Tuscia, Eutizio Gentili Capo Panel della Tuscia Viterbese.

 

Tutte le informazioni sulle Feste dell’Olio della Tuscia sono riportate in un cartellone unico sia nell’apposita brochure sia nel sito web www.tusciaviterbese.it

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Mafia, Viterbo: incendiata auto del costruttore Domenico Merlani, spari su elicottero

La notizia che il Sindaco di Capodimonte a bordo di un velivolo leggero con altre 5 persone sia...

PALAZZO E VILLA FARNESE, CAPRAROLA: COSA VEDERE, VISITE GUIDATE EMOZIONALI

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

DOBBIAMO MOLLARE? /ultimo articolo su TarquiniaCittà di Luigi Daga. La mafia anche a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Tesori di Etruria: scopriamo il Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...