LAZIO, ULTIME NEWS: A CIVITAVECCHIA, TARQUINIA, VITERBO E MONTALTO DI CASTRO, LA MAFIA AVANZA  GRAZIE  ALL' INDIFFERENZA DI ENTI LOCALI E ISTITUZIONI

Durante un importante  convegno, nel Giugno 2008,  indetto dall’ Associazione Antimafia Antonino Caponnetto, per discutere sulla penetrazione mafiosa nell'Alto Lazio, il  sostituto procuratore Luigi De Ficchy della  Direzione Nazionale Antimafia, disse pubblicamente che uno dei pericoli più grandi, (tra tanti altri) per la  zona costiera dell’alto Lazio, è costituito dalla proposta di costruire un molo portuale nella zona La Frasca - Sant'Agostino, lungo il confine tra Civitavecchia e Tarquinia.

Si tratta del “Terminal Cina” per il traffico dei containers, controllato dalla mafia cinese, quella di cui parla Roberto Saviano nel libro “Gomorra”.


“Così - disse De Ficchy - si possono saldare gli interessi della mafia cinese con quella italiana che tiene sotto controllo il traffico di Napoli e di Gioia Tauro”.


Il 22 luglio del 2008, subito dopo dichiarazioni di De Ficchy, la Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria con la collaborazione della Squadra mobile ha effettuato 18 arresti nei confronti dei clan calabresi degli Alvaro, dei Piromalli e dei Molè operanti nel porto di Gioia Tauro con diramazioni in Europa ed Oltreoceano, tutti responsabili di associazione a delinquere di tipo mafioso.


Il controllo di quel porto-containers, il più grande del Mediterraneo, ha causato appetiti, e frizioni ed una rottura di fatto tra consorterie criminali, che hanno portato all'omicidio di Rocco Molè e di Antonino Principi, pochi giorni prima dello sciogli-mento del consiglio comunale di Gioia Tauro per le ingerenze del clan Piromalli.

 

Al posto dei Molè è subentrato un altro gruppo imprenditoriale con il sostegno del sodalizio criminale dei Casamonica, cosca che opera a Roma, nel Lazio, in provincia di Viterbo e sulla costa dell'Alto Lazio, tra Civitavecchia, Tarquinia e Montalto di Castro nella Maremma etrusca.


Alcuni del clan Casamonica erano già stati arrestati a Viterbo a giugno.


Il 28 ottobre 2008, dopo lunghe intercettazioni telefoniche il Capo della Mobile di Reggio Calabria, Renato Cortese, ha provveduto ad altri arresti, a seguito dell'asse di ferro tra i Casamonica, i Piromalli e gli Alvaro per la gestione degli affari e la costituzione di società per il controllo del Porto di Gioia Tauro e di altri porti.


Nelle mani della giustizia sono finiti Rocco Casamonica e il suo avvocato Mancini.


Della vicenda è stata investita anche la Direzione Distrettuale Antimafia di Roma perché gli accordi tra cosche riguardano investimenti ed affari illeciti nella capitale e nel Lazio, “ad ulteriore dimostrazione di quanto sia grave la situazione dell'inquinamento mafioso nel Lazio” ha dichiarato al TG3 il capo della Mobile calabrese Renato Cortese.


La nostra associazione è abituata a fare nomi, cognomi e a citare fatti, assumendosi le responsabilità e qualche rischio.


Non comprendiamo pertanto i motivi per cui il Sindaco di Civitavecchia Gianni Moscherini, nel più totale silenzio del Sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola, punti a ''mega'' ampliamenti portuali ed alla realizzazione del Terminal Cina, (oggi ribattezzato Terminal Asia n.d.r.) distruggendo, tra l'altro un'area di notevole pregio ambientale e storico, un sito di importanza comunitaria.


Alla luce di questi ulteriori elementi non è il caso di prendere posizione?

 

Luigi Daga

 Vice Segretario Regionale 

Associazione Antimafia “Antonino Caponnetto”

 

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Paese che Vai presenta Vitorchiano

Nella foto Sergio Cesarini con Pina giordano a VitorchianoSabato 11 giugno, “Paese che Vai”, la...

TV: San Martino al Cimino a Paese che Vai

Sabato prossimo, 21 maggio, “Paese che Vai”, la seguitissima trasmissione di Cusano Italia TV,...

Tuscia: a Soriano nel Cimino ”Carabinieri: storie di uomini stra…ordinari”

Nella prestigiosa sede del Comune di Soriano nel Cimino (Vt) il giorno 14 maggio 2022, a partire...

A Paese che Vai Sant'Angelo, 'Il paese delle fiabe' e Roccalvecce

Sabato prossimo, 7 maggio, “Paese che Vai”, la seguitissima trasmissione di Cusano Italia TV,...

Viterbo, Villa Lante di Bagnaia: si entra gratis il primo maggio

La spettacolare Villa Lante di Bagnaia, è visitabile ad ingresso gratuito, su...

Primo maggio a Viterbo Sotterranea

Il 1 maggio Viterbo Sotterranea rimane aperta per accogliere tutti i visitatori. In programma...

Vignanello e il Castello Ruspoli a "Paese che Vai

Sabato prossimo, 16 aprile, “Paese che Vai”, la seguitissima trasmissione di Cusano Italia TV,...

A Viterbo Sotterranea in vendita l'interessante libro sull'Arma dei Carabinieri

Il titolo accattivante e originale del libro, “Carabinieri: storie di uomini...