Ultime news - Unonotizie.it - Italia fanalino di coda di Eurolandia. Il pil cresce dell’1,2% nel 2018 e dell’1% nel 2019, in calo rispetto al +1,5% del 2017. La crescita più bassa fra i Paesi dell’ area euro, nonostante la revisione al ribasso per Germania e Francia. E’ quanto emerge dai dati del Fmi. Il fondo evidenzia per l’Italia l’aumento degli spread innescato dalle ‘recenti difficoltà nel formare un governo e la possibilità di un rovesciamento delle riforme o l’attuazione di politiche che potrebbero danneggiare la sostenibilità del debito’. L’Italia preservi le riforme delle pensioni e del lavoro, è il messaggio che arriva dal fondo.

Revisioni al ribasso sulle previsioni di crescita dell’area euro e della sua locomotiva, la Germania. Nel World Economic Outlook, pubblicato nel corso della notte (le assemblee autunnali con la Banca Mondiale quest’anno si tengono a Bali, in Indonesia), l’istituzione di Washington pronostica una espansione media dell’area valutaria del 2 per cento quest’anno e dell’1,9 per ceno nel 2019. Sul 2018 la stima è di 0,2 punti più bassa rispetto alle previsioni che il Fmi aveva aggiornato lo scorso luglio, laddove il dato 2019 è invariato.

Sulla Germania il Fmi prevede un più 1,9 per cento sia su 2018 che sul 2019 e si tratta della revisione più consistente tra i “big” dell’area euro: 0,3 punti in meno sul 2018 e 0,2 punti in meno sul 2019. Sulla Francia più 1,6 per cento del Pil in entrambi gli anni: qui il taglio è di 0,2 punti sul primo anno e di 0,1 punti sul secondo. Sulla Spagna il Fmi prevede un 2,7 per cento di crescita nel 2018 e un 2,2 per cento nel 2019. Sull’Italia il Fmi ha confermato il taglio delle stime di crescita del Pil già operato a luglio, con un 1,2 per cento quest’anno e un 1 per cento nel prossimo la Penisola mostra i tassi di espansione più limitati di tutta l’area euro. Guardando al G7 peggio farà il Giappone con 1,1 e 0,9 per cento. Infine sugli Usa il Weo indica un 2,4 per cento di crescita quest’anno, dato invariato, e un 2,1 per cento il prossimo, 0,1 punti in meno rispetto alle stime di luglio.

Per quanto riguarda l’Italia, le stime del Fondo sull’economia italiana fissano  inoltre l’inflazione all’1,3% quest’anno e all’1,4 nel 2019 mentre continuerebbe la parabola discendente della disoccupazione che dall’11,3% del 2017 quest”anno scenderebbe al 10,8% e nel 2019 al  10,5%. L’Italia si conferma, comunque, rispetto alle altre principali  economie avanzate fra quelle con la migliore bilancia dei conti  correnti, con un avanzo nel 2018 stimato al 2,0% di Pil dietro soltanto a Germania (surplus dell”8,1%) e Giappone (3,6%).

Il debito pubblico italiano dovrebbe invece passare dal 131,8% del Pil nel 2017 al  130,3% quest’anno e al 128,7% nel 2019. La traiettoria discendente, che dovrebbe portare il debito al 125,1% del Pil italiano nel 2023, è  contenuta nelle statistiche allegate al World Economic Outlook che  fissano inoltre una riduzione del deficit dal 2,3% del 2017 all’1,7%  quest’anno ed il prossimo, per poi risalire al 2,2% nel 2023. Rispetto alle stime dello scorso aprile il Fondo ha rivisto al rialzo  il rapporto debito/pil di 0,6 punti per il 2018 e di 1,2 punti per il  prossimo anno. E comunque, si precisa, queste stime non si basano  sulle indicazioni fornite dal governo Conte con la Nadef bensì si basano “sui progetti inclusi nel bilancio 2018 e nel Def di aprile 2018”.

CONFESERCENTI


Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Mafia, Viterbo: incendiata auto del costruttore Domenico Merlani, spari su elicottero

La notizia che il Sindaco di Capodimonte a bordo di un velivolo leggero con altre 5 persone sia...

PALAZZO E VILLA FARNESE, CAPRAROLA: COSA VEDERE, VISITE GUIDATE EMOZIONALI

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

DOBBIAMO MOLLARE? /ultimo articolo su TarquiniaCittà di Luigi Daga. La mafia anche a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Tesori di Etruria: scopriamo il Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...