Che Nomisma, legata a Romano Prodi, noto per la difesa del carbone fatta da Presidente del Consiglio, potesse produrre un documento a sostegno delle popolazioni di Brindisi e Civitavecchia, nessuno se lo aspettava. Infatti un documento prodotto per un convegno tanto pubblicizzato, che si è svolto a Roma, parla la lingua dei carbonai. È sconvolgente invece che il GSE ( gestore dei servivi elettrici) si presti a regalare due iniziative pubblicitarie di sostegno ad Enel, in un momento critico per la centrale a carbone di Civitavecchia in pendenza di riesame dell’ AIA.
Presso la sede del GSE, e non sappiamo se addirittura con i soldi del GSE, Nomisma  ha presentato uno studio degli impatti delle centrali a carbone sull'agricoltura. La prima iniziativa è l'anticipazione del documento allegata all'invito rivolto ai soliti noti che si PRODIgheranno per dare più eco possibile alla relazione Nomisma che appare vergognosa già prima di essere divulgata: il diagramma che segue si trova a pagina 2.  L'insignificante rettangolo rosso dice per caso che cosa succede nella fascia 0-15 km intorno agli impianti?  No! Però minimizza bene il problema spalmando il carico delle centrali elettriche su un indefinito “totale”. Grazie GSE!


Non meno vergognosa è l'ultima pagina del documento d'anticipazione. Nomisma afferma che i terreni agricoli attorno alle centrali del bacino prossimo a Colonia, in Germania, sono destinati a  cereali ed ortaggi. Non è vero! Sono destinati soprattutto a barbabietole da zucchero, con una forte componente “no food”. Il sito www.bi-bigben curato da cittadini, medici e agricoltori lì attivi contro il carbone, evidenzia i gravi danni che il carbone produce in quelle terre. I risultati di analisi fatte nel 2002 mostrano i danni che stanno a cuore agli agricoltori di quella zona, dopo che la loro vocazione a produrre cibo è stata violentata. I danni sono descritti dai due diagrammi allegati: il primo dimostra che avvicinandosi alle centrali diminuisce il grado zuccherino delle barbabietole; il secondo ne fa capire il motivo: i ricercatori tedeschi hanno individuato nella presenza di sodio nelle barbabietole l'indicatore della sofferenza da inquinamento a cui sono sottoposte le piante. E il sodio sale mentre le piante si avvicinano agli impianti.
Con l'arroganza del potere si può molto, ma coprire la disonestà intellettuale è impossibile.


Durante l'incontro di Roma qualcuno poteva ancora riscattarsi, magari ricordandosi di essere madre o padre di famiglia.

Comitato dei Cittadini Liberi

http://cittadiniliberi.blogspot.com/

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...