Ultime news - Unonotizie.it - Si riapre la vertenza della centrale a Biometano in località Olivastro a Tarquinia. Siamo venuti a conoscenza che in data 9 gennaio la Pellicano srl ha presentato una nuova richiesta di AIA, Autorizzazione Integrata Ambientale, “Ampliamento dell’impianto di valorizzazione Raccolta Differenziata con compostaggio anaerobico per produzione di BioMetano e Compost di qualità”. Il progetto prevede la dismissione dell’attività di trasferenza della FORSU (la parte umida dei rifiuti) con la realizzazione di una centrale per la sua trasformazione in compost e biometano mediante digestione anaerobica.

Tutto questo nonostante il Comune di Tarquinia e la Regione Lazio si siano recentemente espressi contrariamente alla realizzazione di un impianto simile.  

Ad agosto 2018, infatti, la Regione Lazio ha rigettato una simile richiesta di realizzazione di un impianto a biometano per il trattamento della FORSU motivando la contrarietà sulla base dei prevalenti pareri negativi delle amministrazioni e dei soggetti interessati al procedimento, tra cui ARPA Lazio e soprattutto il parere del Comune di Tarquinia scaturito proprio dal consiglio comunale straordinario chiesto dalla minoranza su iniziativa del Movimento 5 Stelle.

Siamo stupiti della procedura in essere alquanto “insolita” dato che sono agli atti della Regione i diversi pareri contrari recentemente espressi dalle amministrazioni coinvolte i quali sono parte sostanziale della determina di rigetto. Tra l’altro si è in attesa dell’esito del ricorso al TAR intentato da diverse associazioni ambientaliste per richiedere l’annullamento del provvedimento con il quale la Regione ha rilasciato giudizio di compatibilità ambientale positivo sullo stesso progetto.

Riteniamo infine di vitale importanza che a tale procedimento amministrativo prendano parte gli organi legittimati a rappresentare i cittadini di Tarquinia che si insedieranno dopo le prossime elezioni amministrative.  

Sarebbe inammissibile se questo nuovo procedimento autorizzativo per un impianto così impattante sul nostro territorio (tratterà circa 30.000 tonnellate di immondizia organica all’anno!) venga affrontato dalla gestione commissariale a cui la nostra città è ora sottoposta.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Il libro di Antonello Durante ci spiega il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

TUSCIA, FARNESE / la Riserva del Lamone, dove flora e fauna vivono incontaminate

La Riserva del Lamone è situata in provincia di Viterbo, nel Comune di Farnese, nel cuore della...

REPORT, RAI3, Lunedì alle 21:20. Noccioleti, fitofarmaci e aumento dei tumori

Nella zona del viterbese tra Nepi e il lago di Vico il 90 per cento del patrimonio arboreo è...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...