Viterbo ha dato oggi l'ultimo saluto al Dr. Salvatore Canta, noto medico otorinolaringoiatra del capoluogo della Tuscia. Un medico molto stimato, ma anche un grande sportivo con una passione particolare per il calcio. Grande tifoso del Napoli, era anche un ottimo giocatore ed arbitro di molte importanti partite. Come giocatore il suo ruolo principale era quello di difensore a tal punto che, quando scendeva in campo, non “passava una palla”. Per questo era stato soprannominato “ministro della difesa”, divenuto poi il suo soprannome.

Era anche un grande amante della musica e cantava, in diverse occasioni conviviali, soprattutto tra amici e parenti, un vasto repertorio legato alla canzone italiana, con una predilezione particolare verso Franco Califano ed i brani più famosi della canzone napoletana, viste le origini partenopee di suo padre Giovanni.

 “Salvatore è stato un uomo che ha vissuto nell’impegno, nell’onestà e nella generosità”. Così Don Pino, nella Chiesa di S. Maria della Grotticella, ha salutato il medico ed il caro amico Salvatore. "Un amico sincero. Ricordo che ci siamo conosciuti nel campo di calcetto, lui era un grande sportivo. Poi abbiamo cominciato a frequentarci e la nostra amicizia è cresciuta giorno dopo giorno. Salvatore era una persona molto buona, con quello spiccato spirito napoletano che sempre fortemente vantava nella sua vita. Un giorno parlai con lui di un’ opera buona, in un vecchio monastero di clausura.  Le suore da due inverni stavano al freddo e, in mancanza di riscaldamento, portavano una coperta sulle spalle. Grazie a Salvatore e ad un gruppo di amici che hanno contribuito, è stato possibile rifare l’impianto di riscaldamento rimettendolo completamente a nuovo. Questo era Salvatore, nella sua grande umanità. Aveva un senso innato per mettersi a disposizione degli altri ed il bene che ha fatto gli aprirà per sempre le porte del Paradiso."

“La scomparsa del Dr. Salvatore Canta – come hanno ricordato in una nota i suoi colleghi- è stata accolta con profondo dolore dai medici e dagli operatori sanitari che hanno lavorato con lui prima all’Ospedale Grande degli Infermi e, poi, presso Belcolle fino al suo collocamento in pensione. Ma il Dr. Canta ha lasciato in una profonda tristezza anche i tantissimi amici che erano soliti trascorrere con lui momenti di sport e di spensieratezza, resi ancora più vivaci per la sua essenza di uomo leale, corretto, altruista, simpatico, cordiale e sempre pronto allo scherzo ed alla convivialità.Tutti ne hanno da sempre apprezzato le qualità professionali e personali, soprattutto nel periodo della sua attività presso il reparto Otorinolaringoiatrico, sollecito nel dare il meglio di sé nell’approccio con i ricoverati, dai più piccoli di età ai più grandi, con un accostamento sempre caratterizzato dal sorriso e dall’empatia, facoltà, queste, assolutamente necessarie nell’umanizzazione delle cure mediche per agevolare il recupero psico-fisico del paziente.Ma il dr. Canta è stato anche un eminente esempio per tutti allorquando, sfidando il suo calvario di sofferenza fisica, ha messo in primo piano quel coraggio, quella determinazione e quel discernimento che solo gli uomini più grandi sanno fare, senza cedere al prevedibile avvilimento che può generare un destino particolarmente avverso. “
 

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

3 giugno 2023, Giornata Mondiale della Bicicletta. Cesena Regina del Cicloturismo

Dalla prima edizione del 2015 sono già 38 le green road insignite con l’Oscar Italiano del...

Viterbo, i cittadini costituiscono la prima Comunità Energetica locale

È stata costituita a Viterbo, su iniziativa di un gruppo di cittadini, la Comunità Energetica...

“Distorta” finalista al London Music Video Awards

Dopo la nomination al Budapest Film Festival altro importante riconoscimento per questa...

Davide Lo Surdo, leggenda vivente nella storia della musica

Un italiano è entrato nella storia della musica insieme a Jimi Hendrix, Eddie Van Halen e altri...

Abruzzo in TV con Tagliacozzo a Paese che Vai

Durante il programma potremo ammirare le meraviglie del suggestivo borgo abruzzese. Una visita...

Mafia, Viterbo: la festa del 2021 ai nuovi 300 detenuti fa riflettere ancora

Nel 2021 la Macchina di Santa Rosa non ha avuto luogo e, di conseguenza, neanche i fuochi di...

DOBBIAMO MOLLARE? /ultime considerazioni su TarquiniaCittà di Luigi Daga. Ricoda anche la mafia a Tuscania

A seguire l\'articolo scritto 15 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...