Dalla prima edizione del 2015 sono già 38 le green road insignite con l’Oscar Italiano del Cicloturismo nel nostro Paese: eccellenti itinerari da pedalare in una stagione ideale per attività all’aria aperta, alla scoperta di angoli ancora nascosti.

Si deve attendere il 3 giugno, Giornata Mondiale della Bicicletta, per conoscere le ciclovie che riceveranno quest’anno a Cesena l’Oscar Italiano del Cicloturismo, ottava edizione del premio che viene assegnato alle green road delle Regioni che promuovono la vacanza su due ruote con servizi mirati al turismo lento.

In Italia sono 38 i percorsi ciclabili che sono già stati insigniti dell’Oscar Italiano del Cicloturismo nel corso delle prime sette edizioni dell’iniziativa (nota anche con il nome di Italian Green Road Awards). Ne abbiamo selezionati alcuni, ideali da provare anche in un weekend di primavera, quando la voglia di esperienze all’aria aperta è tanta e le belle giornate invitano a pedalate in famiglia, con amici o anche in solitaria. Un’occasione sana e sostenibile per andare alla scoperta delle bellezze paesaggistiche e culturali dei nostri territori, apprezzandone la ricchezza storica e naturalistica e, naturalmente, le tradizioni enogastronomiche.

LA CICLOTURISTICA DEI BORGHI SABINI... PEDALANDO LUNGO IL TEVERE NEL LAZIO

La Cicloturistica dei Borghi Sabini - 2^ classificata allOscar Italiano del Cicloturismo 2020 - valorizza un territorio del Lazio ancora poco conosciuto, ma facilmente raggiungibile in treno da Roma: un percorso ad anello di 105 km, che parte dalla stazione ferroviaria di Collevecchio e attraversa undici borghi medievali della Sabina sulla sponda destra del Tevere. Litinerario, che può essere percorso anche solo in parte in base ai giorni a disposizione, punta a un grande patrimonio di storia, cultura, paesaggi e ambiente, ed è il risultato della collaborazione tra una rete di imprese pubbliche e private, unite per la valorizzazione di un territorio.

GRAN TOUR VAL DI MERSE...SU E GIÙ PER LE COLLINE SENESI IN TOSCANA

Ha ricevuto il 3° premio allOscar Italiano del Cicloturismo 2020 il Gran Tour Val di Merse, un percorso alla scoperta della Toscana più intima e sconosciuta nel cuore della Montagnola Senese, incrociando le vallate meridionali dellElsa e del Cecina, la Valle dellOmbrone a Sud fino alla parte settentrionale della Maremma grossetana. Litinerario ciclabile copre oltre 170 km (il 90% su strade secondarie a basso traffico), dove si incontrano piccoli comuni che obbligano a fermarsi per i tesori paesaggistici e architettonici che regalano. Trattandosi di un itinerario ad anello, si può iniziare, ad esempio, dal Comune di Sovicille o da Casole dElsa. La magica atmosfera dellAbbazia di San Galgano, il fiabesco Castello di Celsa, ma anche il Museo Etrusco di Murlo, il Passo dellIncrociati, il borgo di Marmoraia e di Belforte, Montalcinello e il Chiostro di Torri: tutte soste particolari, come la visita alla piazzetta di Lesa prima di un bagno rilassante alle Terme di Petriolo, che vantano vasche naturali dalle fumanti acque boracifere.

LA VIA TRAIANA... NELL' ALTO DEL SALENTO IN PUGLIA

Perfetta per pedalare alla scoperta di una Puglia inedita è La Via Traiana - vincitrice del premio stampa dellOscar del Cicloturismo 2017 - un percorso di 40 km da Egnazia a Ostuni che si sviluppa lungo lantico tracciato romano tra oliveti monumentali, masserie storiche, frantoi ipogei e insediamenti rupestri, passando anche per il Parco Regionale Dune Costiere. Litinerario è attrezzato con 34 aree di sosta con rastrelliere, fontanelle per lacqua, panchine e pannelli didattico-informativi sugli aspetti storico-ambientali della Via Traiana.

SENTIERO VALTELLINA... DAL LAGO ALLE MONTAGNE SENZA INCROCIARE UNAUTO IN LOMBARDIA

Terzo posto allOscar Italiano del Cicloturismo 2016 per il Sentiero Valtellina, una pista ciclopedonale di 115 km che collega Colico, sul lago di Como, a Bormio, nel cuore delle Alpi lombarde, seguendo per lunghissimi tratti il corso del fiume Adda.

Perfettamente segnalata e quasi tutta pianeggiante, a parte gli ultimi 25 km, è un itinerario piacevole e sicuro, che non incrocia strade e traffico. 115 cippi kilometrici e 22 bacheche con mappe cartografiche, informazioni sul territorio e altre indicazioni utili sono presenti lungo lintero percorso.

Il Sentiero Valtellina incrocia, in bassa valle, la Ciclabile Valchiavenna (3^ classificata allOscar Italiano del Cicloturismo 2022), un percorso ciclopedonale di fondovalle di 42 km in sede propria che collega il Lago di Como alla Val Bregaglia, sul confine svizzero.

CICLOVIA DELLAMICIZIA... DALLE DOLOMITI AL MARE IN VENETO

Ogni tratto della Ciclovia dellAmicizia - 1° premio allOscar Italiano del Cicloturismo 2017 - offre scorci ed esperienze indimenticabili. Litinerario parte da Cortina dAmpezzo nelle Dolomiti Patrimonio Unesco e, toccando anche Treviso - il salotto della Marca, raffinato con i palazzi che si riflettono nei canali e goloso nelle sue tradizioni enogastronomiche - arriva al mare di Jesolo, con i suoi 15 km di spiagge e l'isola pedonale più lunga d'Europa ricca di locali e attrazioni. Da segnalare lottima integrazione del percorso con il trasporto pubblico e il tratto Cortina-Calalzo di Cadore, recuperato da una ferrovia dismessa.

CICLOVIA LA VIA DELLE SORGENTI... VERSO TERRITORI MENO CONOSCIUTI IN CAMPANIA

Si snoda nellalto casertano la Via delle Sorgenti, che ha vinto il 3° posto allOscar Italiano del Cicloturismo nel 2018. Si tratta di un percorso di turismo sostenibile che si snoda dal Parco del Regionale del Matese e valorizza territori meno conosciuti, portando i cicloturisti a esplorare una terra che racconta di antiche popolazioni, di borghi medievali - magnifico Pietravairano con il suo teatro tempio di epoca romana, scoperto per caso solo nel 2000 - di paesaggi, di foreste, laghi, torrenti e sorgenti, regalando grandi emozioni ed eccellenze enogastronomiche grazie anche alle vigne e agli imponenti boschi di castagni, noccioli. Su questa ciclovia si rinnova lappuntamento con la randonnée la Via delle Sorgenti, questanno prevista per il 14 maggio.

LALTA VIA DEI MONTI LIGURI...PER GLI AMANTI DELLA MTB IN LIGURIA

È stata insignita del premio stampa all' Oscar Italiano del Cicloturismo 2018 lAlta Via dei Monti Liguri: un sentiero di crinale che con i suoi 430 km attraversa le creste delle Alpi e dellAppennino Ligure e collega Ventimiglia a Ceparana. Si tratta di un percorso per molti tratti abbastanza tecnico e adatto a esperti MountainBikers, che ne sapranno apprezzarne lunicità e la suggestione di incredibili paesaggi, spesso accompagnati dal mare come sfondo.

L’Oscar Italiano del Cicloturismo ha lo scopo di spronare le amministrazioni locali a valorizzare i propri percorsi eccellenti e promuovere gli investimenti nelle vacanze a due ruote creando nuovi flussi di turismo alto spendenti sui territori durante tutto l’anno.

Laura Testa

Photo Colli della Sabina

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

VITERBO: CAMMINANDO DAL RESPOGLIO ALLA QUERCIA UTILIZZANDO LO STORICO PERGOLATO

Attualmente a Viterbo il quartiere Respoglio è collegato a La...

Domenica 2 giugno gratis a Palazzo Farnese di Caprarola e Villa Lante

Un’occasione da non perdere per visitare Villa Lante il meraviglioso parco con i suoi giardini...

DMO Expo Tuscia press tour a Viterbo, Montefiascone e Bolsena

Continuano a pieno ritmo le attività della DMO Expo Tuscia. Dopo gli appuntamenti al TTG/Rimini...

San Pellegrino in Fiore, eventi a Viterbo Sotterranea

San Pellegrino in Fiore, domenica a Viterbo SotterraneaDomenica in programma visite guidate alla...

TV, Osvaldo Bevilacqua e Sergio Cesarini promuovono Viterbo

Osvaldo Bevilacqua, giornalista detentore dal 2015 del Guinness World Records TV per il Travel...

Bolzano, Loacker: dolce ricetta aziendale dalla squisita bontà famigliare

Sostenibilità significa avere uno stile di vita rispettoso delle risorse a disposizione, in grado...

DOBBIAMO MOLLARE? /riflessioni su TarquiniaCittà di Luigi Daga. Cita le infiltrazioni mafiose a Tuscania

A seguire l\'articolo scritto 15 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...