Le direzioni dei parchi naturali nazionali del Gran Paradiso, delle 5 Terre, delle Foreste Casentinesi, del Gargano e dell’Aspromonte dopo tre giorni di incontri, esperienze e proposte per il futuro, sono ripartiti per le loro sedi. L’iniziativa promossa da Accademia Kronos e finanziata dalla Direzione Protezione Natura del Ministero dell’Ambiente rientrava nel progetto nazionale “Parchi Vivi”. Un modo per rivitalizzare i parchi naturali e far accedere maggior pubblico negli stessi. L’iniziativa dei tre giorni prevedeva di offrire anche ai parchi regionali del Lazio le stesse opportunità dei parchi nazionali. In quella occasione erano presenti anche i responsabili di alcuni importanti parchi brasiliani e del Costa Rica.

All’incontro determinante alla facoltà di scienze dell’Università di Viterbo della Tuscia, presenti dirigenti e funzionari della Direzione Protezione Natura del Ministero dell’Ambiente, il Prorettore dell’Università della Tuscia Giuseppe Nascetti , il Direttore del dipartimento di scienze ambientali Anna Maria Fausto ed altri docenti, erano assenti tutti i parchi regionali, a parte i due provinciali di Viterbo rappresentati dell’Assessore all’Ambiente Tolmino Piazzai. Il Dirigente del Ministero, dott.ssa Teresa Gagliardi ha chiesto nell’ambito del convegno come mai mancassero proprio i diretti interessati. Accademia Kronos ha colto in quella sede l’occasione per denunciare l’inefficienza e il menefreghismo degli uffici dei parchi regionali che più volte raggiunti da e.mail, fax, lettere e telefonate della segreteria dell’ associazione hanno ignorato l’invito o, peggio, risposto in maniera evasiva e a volte scortese. In più di un mese di tentativi di coinvolgimento dei parchi regionali, ha ribadito il presidente di Accademia Kronos, si è avuta la netta sensazione di un dilagante menefreghismo e assurda “burocraticizzazione” certamente non comprensibile in un parco regionale.

L’incontro tra i parchi regionali e la Direzione del Ministero dell’Ambiente aveva lo scopo di regionalizzare la fortunata campagna nazionale di Parchi Vivi e di avviare gemellaggi con alcuni parchi nazionali del Costa Rica e del Brasile. In tutto questo il progetto aveva previsto un contributo di 500.000 euro per i parchi regionali che avessero aderito alla campagna Parchi Vivi Lazio.

Il contributo comunque non sarà perduto perché l’operazione Parchi Vivi sarà spostata in altre regioni italiane dove i parchi regionali sono meno burocraticizzati e più efficienti.

Filippo Mariani


Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...