Viterbo, la città delle acque e delle fontane, delle terme e del centro storico tra i più belli d’Europa ha finalmente il suo Parco, la Riserva Naturale Regionale Valle dell’Arcionello: 400 ettari su cui disegnare una nuova storia di legalità e valorizzazione.

Una grande occasione prima ancora che una straordinaria vittoria delle cittadine e dei cittadini, delle tante associazioni – a partire dal Coordinamento per l’Arcionello - che negli ultimi cinque anni si sono impegnati in iniziative, manifestazioni, convegni, passeggiate, incontri, tavoli tecnici.

Grazie anche alla fermezza e alla competenza degli amministratori regionali.

Un esempio unico di reale partecipazione nella storia del capoluogo viterbese.

La prima proposta di Legambiente risale a oltre 20 anni addietro e molte volte ci siamo dovuti arrendere di fronte allo strapotere degli speculatori.

Continuiamo a sostenere sbagliato il Piano Integrato voluto da Gabbianelli, anche nella sua forma ridotta che copriva di cemento la più bella, l’ultima valle di Viterbo. Altro che intervento di riqualificazione.

Ora comincia una nuova fase.  Costruiamo insieme la Riserva che vogliamo: a partire da un nuovo protagonismo delle amministrazioni provinciale e comunale, concedendo spazio alle idee delle associazioni, delle scuole, dei cittadini, del Coordinamento per l’Arcionello.

Una grande laboratorio, una occasione imperdibile per rilanciare l’immagine di Viterbo, per riscoprirne le radici storiche e per costruire percorsi di vera partecipazione.

Ma mentre esprimiamo soddisfazione per l’Arcionello, ricordiamo anche l’altro provvedimento adottato oggi in Consiglio Regionale: l’ampliamento della Riserva del Lago di Vico alla sponda di Ronciglione. Un altro momento storico per tutto il comprensorio dei Cimini.

"Ma mentre esprimiamo soddisfazione per l’Arcionello, ricordiamo anche l’altro provvedimento adottato oggi in Consiglio Regionale: l’ampliamento della Riserva del Lago di Vico alla sponda di Ronciglione. Un altro momento storico per tutto il comprensorio dei Cimini -  sottolinea il Presidente di Legambiente Viterbo Pieranna Falasca - a osservare bene infatti, quello che oggi è possibile riscontrare di fatto è l’esistenza del grande Parco dei Monti Cimini: un comprensorio protetto che da Viterbo arriva a toccare il territorio di Ronciglione.

Speriamo sia davvero l’inizio di una nuova stagione per la salvaguardia e la valorizzazione di questo grande patrimonio verde ".

 

U. Cinalli

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Il libro di Antonello Durante per capire il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...