Questo il quadro della situazione, cinque le strade chiuse: Bomarzese, Valle del Vezza, Valle del Mignone, Valle di Bagnoregio e Valle del Tevere. Venti le frane  rilevanti e centinaia i piccoli smottamenti in tutta la provincia.

 

“Ci siamo immediatamente attivati – dicono il presidente Alessando Mazzoli e l’assessore alla Viabilità Antonio Rizzello - per limitare i disagi. Su tutto il territorio è presente il personale stradale della Provincia e la polizia provinciale per supportare la viabilità. Viste dimensioni degli eventi la Provincia ha attivato 17 ditte locali che con propri mezzi e personale stanno coadiuvando, sotto il coordinamento del settore viabilità, gli interventi più urgenti”

 

Solo per ripristinare la situazione viaria, comprendendo quindi i costi per l’impiego di imprese esterne a supporto del personale della Provincia, si quantificano circa 300mila euro di spese.

 

“Appare evidente – continuano Mazzoli e Rizzello - che alla fine dello stato d’emergenza ci dovrà essere una ricognizione dei danni provocati dal maltempo, compresi i necessari interventi di messa in sicurezza che a oggi non sono quantificabili. Fin da ora possiamo però ritenere che sarà necessario richiedere a enti sovraordinati finanziamenti speciali”.

 

A questo proposito la giunta provinciale ha immediatamente deliberato lo stato di calamità, indicando l’esigenza improcrastinabile di risorse straordinarie per l’emergenza.

 

“Va sottolineato – concludono Mazzoli e Rizzello - che le principali situazioni di pericolosità sono state oggetto di un finanziamento straordinario da parte della Provincia di Viterbo mediante l’accensione di un mutuo per un milione e mezzo di euro, che prevede opere di manutenzione straordinaria delle strade provinciali Nepesina, Teverina, della Valle del Mignone. Inoltre già sono stati aggiudicati interventi per circa un milione di euro che verranno realizzati nelle prossime settimane e che riguardano le altre priorità viarie provinciali quali la Tuscanese, la Faleriense, la Cenciano e la San Luca, la Caprolatta”.

 

M. Lozzi

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Mafia, Viterbo: incendiata auto del costruttore Domenico Merlani, spari su elicottero

La notizia che il Sindaco di Capodimonte a bordo di un velivolo leggero con altre 5 persone sia...

PALAZZO E VILLA FARNESE, CAPRAROLA: COSA VEDERE, VISITE GUIDATE EMOZIONALI

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

DOBBIAMO MOLLARE? /ultimo articolo su TarquiniaCittà di Luigi Daga. La mafia anche a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Tesori di Etruria: scopriamo il Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...