“Il progetto per la  realizzazione di un videofilm all’interno della Casa Circondariale femminile di Perugia parte dal giugno 2007, quando l’omicidio di Meredith Kercher non era stato ancora commesso. Il fatto che Amanda Knox, come altre undici detenute, abbia partecipato alla realizzazione del lungometraggio ‘L’ultima città’ è del tutto incidentale e legato alla sua presenza in carcere al momento della realizzazione del progetto”. È quanto sottolinea l’assessore alle Politiche sociali della Regione Umbria, Damiano Stufara, in merito alle notizie riportate dagli organi di informazione sul presunto ruolo da protagonista della Knox nel lungometraggio “L’Ultima Città”. 

“La Regione Umbria, da sempre impegnata nel promuovere azioni di reinserimento sociale dei detenuti – prosegue Stufara - si limita a sostenere le attività rieducative, senza interferire con quelli che sono specifici compiti e poteri dell’Amministrazione penitenziaria che, nel caso in questione, ha provveduto a selezionare le detenute che avrebbero partecipato al progetto ottenendo per tre di loro, che si trovano in attesa di giudizio, apposite autorizzazioni da parte del magistrato di sorveglianza. Proprio per evitare che eventuali strumentalizzazioni vanifichino le finalità che il progetto si propone in ordine alla rieducazione e al trattamento, la Regione Umbria – ha aggiunto l’assessore – condividendo l’opportuna prudenza dell’Amministrazione penitenziaria, non autorizza la proiezione prevista per il 14 dicembre, diffidando chiunque dall’utilizzo improprio ed abusivo del prodotto o di parte di esso”.


Sin dal 2001 – ha poi ricordato l’assessore - la Regione Umbria ha sottoscritto un protocollo d’intesa con il Ministero della Giustizia nell’ambito del quale sono previste iniziative di promozione e reinserimento sociale delle persone detenute, secondo quanto previsto dall’Ordinamento penitenziario e dalla stessa  Costituzione italiana.  A seguito di questo accordo, la Regione ha sostenuto la realizzazione di vari interventi nei quattro Istituti carcerari dell’Umbria. In particolare nell’Istituto femminile di Perugia, a partire dal 2003, si è avviato un percorso progettuale che comprende attività di servizio e culturali (tra cui lo sportello d’ascolto per le detenute, la biblioteca), attività sportive e, in collaborazione con il Teatro Stabile di Innovazione Fontemaggiore, attività  teatrali. Il lungometraggio “L’ultima città” va pertanto considerato come una tappa di questo percorso che ha trovato la condivisione della Direzione carceraria e degli psicologi della struttura stessa.

A. Ronci 

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

TV, Osvaldo Bevilacqua e Sergio Cesarini promuovono Viterbo

Osvaldo Bevilacqua, giornalista detentore dal 2015 del Guinness World Records TV per il Travel...

Bolzano, Loacker: dolce ricetta aziendale dalla squisita bontà famigliare

Sostenibilità significa avere uno stile di vita rispettoso delle risorse a disposizione, in grado...

DOBBIAMO MOLLARE? /riflessioni su TarquiniaCittà di Luigi Daga. Cita le infiltrazioni mafiose a Tuscania

A seguire l\'articolo scritto 15 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

VITERBO: A PIEDI DAL QUARTIERE RESPOGLIO ALLA QUERCIA ATTRAVERSANDO LO STORICO PERGOLATO

Attualmente a Viterbo il quartiere Respoglio è collegato a La...

Domenica 3 dicembre gratis a Palazzo Farnese di Caprarola e Villa Lante

Un’occasione da non perdere per visitare Villa Lante il meraviglioso parco con i suoi giardini...

Tuscia, a Viterbo prende forma la prima Comunità Energetica locale

È stata costituita a Viterbo, su iniziativa di un gruppo di cittadini, la Comunità Energetica...

Mega-antenna vicina alla storica Basilica della Quercia a Viterbo

Uno scempio contro il paesaggio di Viterbo e i suoi pregevoli monumenti, e un rischio per la...