Per contrastare l'inquinamento globale, e il surriscaldamento del clima, tra le scelte piu' necessarie ed urgenti vi sono certamente le seguenti: ridurre l'automobilismo privato incentivando l'uso del trasporto pubblico e della bicicletta per la mobilita' personale sulle brevi distanze; ridurre per quanto possibile il trasporto a motore su gomma trasferendolo su rotaia; ridurre il trasporto aereo, in particolare riducendo drasticamente quello a fini di diporto. Se non ve ne e' necessita' ci si deve spostare di meno, su distante piu' brevi, e comunque piu' lentamente; i lunghi viaggi erano una volta esperienza di vita, incontro di umanita': se se ne devono fare, che tornino ad essere questa piena esperienza. Si possono e si devono valorizzare le nuove tecnologie della comunicazione per evitare di spostare le persone e gli oggetti quando e' possibile trasmettere messaggi e documenti per via telematica; cosi' come la teleconferenza rende inutili gli spostamenti per convegni ed incontri di lavoro. Presa coscienza dei "limiti dello sviluppo" e della finitezza delle risorse, occorre abbracciare quella prospettiva che gli studiosi negli ultimi anni hanno cominciato a chiamare "decrescita" e che ha invero, con altre e varie denominazioni, una lunga tradizione ed alla quale ci esortarono e ci esortano personalita' come Mohandas Gandhi e Ivan Illich, come Murray Bookchin e Vandana Shiva, come Susan George e Serge Latouche. Si deve condurre una vita piu' sobria, piu' solidale col resto dell'umanita', piu' responsabile nei confronti della biosfera, piu' sollecita del bene comune dell'umanita' presente e delle generazioni future. Anche per queste ragioni siamo impegnati contro il nocivo e distruttivo mega-aeroporto che una lobby politico-affaristica irresponsabile e vandalica, speculatrice e devastatrice, vorrebbe imporre a Viterbo in violazione della legalita' e della ragionevolezza, danneggiando l'ambiente e la salute di tutti, facendo scempio del pubblico bene, della dignita' e dei diritti dei cittadini.

Il "Centro di ricerca per la pace" di Viterbo

Centro di ricerca per la pace
strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo
e-mail:
nbawac@tin.it
web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/


 

 

 

 

 

 

 

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Un libro di Antonello Durante per capire il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...