Alla prima riunione del coordinamento Salviamo l’Arcionello dopo l’approvazione della legge regionale che istituisce la riserva naturale non poteva mancare un brindisi, sobrio e allegro, per celebrare un traguardo che cinque anni fa pareva davvero una utopia.

L’Arcionello è stato “messo in sicurezza”: per questo proponiamo che sabato 21 marzo tutta la città festeggi la primavera nel nuovo parco.

Ma festeggiare non basta: c’è ancora tanto lavoro da fare, a partire dal piano d’assetto del parco stesso che la Provincia è chiamata a definire.

A questo proposito, così come abbiamo incalzato la Regione fino alla approvazione della legge, oggi intendiamo stare con il fiato sul collo dell’amministrazione provinciale ponendo l’obiettivo della adozione del piano d’assetto entro il termine di questa consiliatura.

Come sempre, riteniamo che anche il percorso fino a questo prossimo traguardo debba essere realmente partecipato, prima di tutto in un confronto con il Comune, ma anche con le rappresentanze sociali e le altre istituzioni, a partire dalla scuola e dall’università, per giungere fino ai singoli cittadini che vogliano dare un contributo.

Ovviamente il nostro coordinamento intende partecipare a questo percorso, ponendo a disposizione la documentazione e i materiali che in questi anni sono stati prodotti alla riscoperta del fosso Luparo-Arcionello-Urcionio, nonché le intelligenze e le competenze che se ne sono occupate.

Dedichiamo infine questo bel momento ad uno dei primi ambientalisti viterbesi, l’indimenticato Achille Poleggi, di cui ci piacerebbe che il nome segnasse quei luoghi consacrati alla storia e alla natura della nostra città.

Umberto Cinalli e Antonello Ricci
Coordinamento “Salviamo l'Arcionello”

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Il libro di Antonello Durante per capire il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...