Nel 2001, l’Authority delle Comunicazioni stabilì che entro un anno, da 300mila cabine telefoniche Telecom presenti sul territorio nazionale,ci si dovesse fermare con gli smantellamenti in atto a 120mila postazioni, garantendo la copertura in zono di maggior disagio o non coperte da reti per i cellulari, al contempo adeguandole a livelli qualitativi superiori e accessibili ai portatori di handicap.

Le cabine telefoniche, tutte di proprietà della Telecom sono ormai tecnologicamente obsolete e poco convenienti nelle tariffe rispetto ai cellulari.

Nella città di Viterbo sono presenti molte di queste cabine, molte non contengono nemmeno l’apparecchio telefonico, in altre è presente la cornetta ma non sono funzionanti, tutte sono sporche, rotte, ridotte in brandelli, usate come vespasiano, dimenticate dalla proprietà che non le sistema e non le pulisce.

All’interno e all’esterno vetro e plastica, un vero ricettacolo di rifiuti.

Di certo non un bell’arredo urbano.

Il Comune di Viterbo, che ha concesso le aree di installazione  in cambio del pagamento dell’occupazione del suolo pubblico, dovrebbe intervenire verso Telecom e lasciare loro due possibilità: ripristinarle e renderle funzionanti o smantellarle.

Pertanto gli uffici competenti dovrebbero censire il numero di postazioni presenti sul territorio comunale, verificare il loro stato, obbligare la Telecom allo smantellamento delle stesse e al ripristino dei posti dove erano installate.

Se pensiamo che a Londra sono state tolte le caratteristiche cabine telefoniche rosse, che facevano parte dell’immaginario collettivo della città, possiamo tranquillamente fare a meno delle nostre da sempre brutte, da anni non usate, che danno al momento solamente un’immagine degradante delle parti della città dove sono presenti.

 

Il Capogruppo PDL 

Enrico Maria Contardo

                                                                                            

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Mafia, Viterbo: incendiata auto del costruttore Domenico Merlani, spari su elicottero

La notizia che il Sindaco di Capodimonte a bordo di un velivolo leggero con altre 5 persone sia...

PALAZZO E VILLA FARNESE, CAPRAROLA: COSA VEDERE, VISITE GUIDATE EMOZIONALI

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

DOBBIAMO MOLLARE? /ultimo articolo su TarquiniaCittà di Luigi Daga. La mafia anche a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Tesori di Etruria: scopriamo il Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...