Il Direttore Generale del Ministero dell'Ambiente ha scritto al Comitato dei Cittadini Liberi per informarli che la riduzione del 30% degli inquinanti della centrale a carbone, punto forte degli accordi firmati tra Sindaci ed Enel, non figura nei documenti presentati dalla società elettrica per il riesame dell'Autorizzazione Integrata Ambientale. Se lì non figurano non sarà possibile esigerli, ma nessuno dei sindaci che avranno soldi dall'Enel ha dato la disdetta a quegli accordi. La rinuncia al 30% di riduzione di polveri sottili e ossidi di zolfo di TVN  causerà una maggiore mortalità e sofferenza agli abitanti di questo lembo di Maremma. Appare chiaro che gli accordi firmati servono solo ad Enel per tentare di evitare future richieste risarcitorie e la class-action, richiesta risarcitoria collettiva. La class-action, ulteriormente rinviata di sei mesi dal governo, prima o poi entrerà in vigore. Tra i primi che hanno capito l'inghippo vi sono gli agricoltori di Tarquinia ai quali è apparso subito evidente che gli accordi che il Sindaco si è “premurato” di sottoscrivere per loro, in realtà servono solo a tutelare l'Enel, che è  l'inquinatore, cioè quello da controllare. L’Enel ha tutto l'interesse a coinvolgere gli agricoltori a fare controlli e monitoraggi finanziati e curati dalla stesso ente elettrico, visto che il controllato vuole controllare se stesso. Le cose, però, non vanno come gradito ad Enel. Gli agricoltori infatti, tramite le Cooperative, il Consorzio di Bonifica e i Sindacati Agricoli hanno scritto al Sindaco di Tarquinia affinchè disdica gli accordi che li riguardano e, a proposito di danni stanno dando un grande esempio a tutta la cittadinanza e denunciano che gli accordi con Enel non prevedono risarcimenti per i danni del carbone. Anche i cittadini stanno preparando una denuncia molto circostanziata, evidenziando gli effetti sanitari ed economici di tutte le brutte cose scritte negli accordi. Chi ancora volesse far finta di niente, si ricordi quale futuro vogliono realizzare personaggi senza scrupoli e complici senza scrupoli, per questa bella Tarquinia e i suoi abitanti. Il programma di calcolo della Comunità Europea parla chiaro: la centrale a carbone produrrà morti misurabili in 200.000.000 di euro e il massimo della ricaduta d'inquinanti avverrà su Tarquinia. Grazie Sindaco!
 

Comitato dei Cittadini Liberi

 

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Mafia, Viterbo: incendiata auto del costruttore Domenico Merlani, spari su elicottero

La notizia che il Sindaco di Capodimonte a bordo di un velivolo leggero con altre 5 persone sia...

PALAZZO E VILLA FARNESE, CAPRAROLA: COSA VEDERE, VISITE GUIDATE EMOZIONALI

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

DOBBIAMO MOLLARE? /ultimo articolo su TarquiniaCittà di Luigi Daga. La mafia anche a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Tesori di Etruria: scopriamo il Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...