Il rispetto degli impegni presi e un notevole piano anticrisi che investe risorse proprie nel sostegno delle famiglie e delle imprese sono i due punti fondamentali sottolineati da una serie di dati espressi in conferenza stampa di fine anno.

Fanno parte del primo impegno la politica attivata per gli anziani (70 milioni di euro), per il Progetto non-autosufficienza (58,7 ml) e per lo stesso piano sociosanitario che mette gli anziani al centro dell’attenzione (ha sede nel capoluogo l’Agenzia Nazionale per l’Invecchiamento). Poi, l’entroterra e il Piceno che hanno visto l’accordo di programma dell’Appennino e il Progetto Speciale già avviati. Un terzo impegno è stato preso nel 2008 per i giovani, con un piano antiprecariato (per 1.500 unità) l’inglese a scuola (per 2000 ragazzi) la legge su oratori e centri di aggregazione e il piano casa con i buoni casa per le coppie (200 ml). Infine, quarto impegno, l’apertura a est con la sede dell’Iniziativa Adriatico Ionica a Ancona e i progetti paese d’internazionalizzazione, oltre all’Istituto Relazioni con l’Oriente in vista delle celebrazioni dell’Unità d’Italia e di Padre Matteo Ricci.

Positiva la serie di dati diffusi a fine anno: scendono gli infortuni sul lavoro cresce il PIL pro capite mentre “tengono” nonostante la terribile congiuntura l’export Marche (-9%) la disoccupazione (+1.8%), per cui il governo regionale, preoccupato anche dalla crisi del settore meccanico che ha fatto superare per la prima volta la Cigs nella provincia di Ancona rispetto alle quote dell’Ascolano, corre ai ripari con manovre mirate. Anzitutto impiegando il 3% del proprio bilancio nel piano di contrasto: con l’accordo di programma BEI in 5 direzioni (anziani e famiglie; imprese e sviluppo; reti idriche; trattamento rifiuti e difesa costa e territorio). Inoltre, il recupero di oltre 57 ml dalla lotta all’evasione e tagli drastici alle consulenze hanno permesso di far scendere il costo dell’amministrazione pubblica pro capite: oggi la Regione costa 90 euro all’anno al cittadino, rispetto ai 105 del 2004!

Insieme alla pressione fiscale (i tributi manovrabili -2,95%), il debito da 1277 ml a 1272, è sceso sotto la media delle altre Regioni italiane, si è ridotto il peso dei propri tributi e si è addirittura azzerato il disavanzo in Sanità. Con un rating positivo A+, massimo tra le Regioni, sono state reinvestite risorse primarie per Sicurezza (1.998 euro pro capite), Sviluppo (147 euro) e Territorio (232).

A fronte di una linea di “resistenza” per il 2009, la giunta vuole mantenere gli impegni per il Fondo di tutela al Lavoro e alla Coesione Sociale; per la massima liquidità del sistema regionale; per un piano di investimenti anticrisi di oltre 7 miliardi e per l’internazionalizzazione. In particolare con:

- il Fondo di Solidarietà per il Lavoro (5 ml);

- per le fasce deboli (5 ml),

- per gli ammortizzatori sociali (47 ml)

- per il piano di coordinamento fra banche, imprese, forze sociali e istituzioni per la lotta al carovita e la difesa dell’economia reale.

Gli investimenti in essere possono essere così riassunti:

- 4,8 miliardi di euro per le infrastrutture.

- 75 ml per la banda larga,

- 1,2 mld per l’innovazione e lo sviluppo (DUP).

- 560 ml per le infrastrutture sanitarie.

 - 200 ml per il piano casa e 122 ml per migliorare le infrastrutture scolastiche.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

TV, Osvaldo Bevilacqua e Sergio Cesarini promuovono Viterbo

Osvaldo Bevilacqua, giornalista detentore dal 2015 del Guinness World Records TV per il Travel...

Bolzano, Loacker: dolce ricetta aziendale dalla squisita bontà famigliare

Sostenibilità significa avere uno stile di vita rispettoso delle risorse a disposizione, in grado...

DOBBIAMO MOLLARE? /riflessioni su TarquiniaCittà di Luigi Daga. Cita le infiltrazioni mafiose a Tuscania

A seguire l\'articolo scritto 15 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

VITERBO: A PIEDI DAL QUARTIERE RESPOGLIO ALLA QUERCIA ATTRAVERSANDO LO STORICO PERGOLATO

Attualmente a Viterbo il quartiere Respoglio è collegato a La...

Domenica 3 dicembre gratis a Palazzo Farnese di Caprarola e Villa Lante

Un’occasione da non perdere per visitare Villa Lante il meraviglioso parco con i suoi giardini...

Tuscia, a Viterbo prende forma la prima Comunità Energetica locale

È stata costituita a Viterbo, su iniziativa di un gruppo di cittadini, la Comunità Energetica...

Mega-antenna vicina alla storica Basilica della Quercia a Viterbo

Uno scempio contro il paesaggio di Viterbo e i suoi pregevoli monumenti, e un rischio per la...