“Un uomo che per dieci anni ha guidato con onestà e trasparenza il comune di Acquapendente”. Il deputato del Pd, Ugo Sposetti, e gli ex sindaci del paese, Ugo Nardini e Tolmino Piazzai, ricordano così Libero Neri, detto Mario, primo cittadino dal 1972 al 1982, scomparso nei giorni scorsi.

 

“Lo ricordo come un uomo perbene, schivo e silenzioso – dice Sposetti – impegnato in una politica vicina ai cittadini, sempre protesa a dare risposte che portassero allo sviluppo del comprensorio di Acquapendente. Nel ’72, quando lui fu eletto sindaco, io entrai in consiglio provinciale dopo aver concorso proprio nel collegio acquesiano. Con lui ho condiviso numerose iniziative, incontri, giri nelle campagne per parlare con i cittadini, ascoltarli e capirli. Un esempio di rettitudine, di trasparenza, una guida per molti di noi”.

 

“Libero Neri – ricorda Nardini che con lui fu prima vicesindaco, poi capogruppo – fu capolista per il Pci come indipendente di sinistra in un momento difficile per il partito acquesiano. Da due anni, a causa di una rottura tra il vecchio sindaco e il partito, il Comune era retto da un commissario prefettizio. Neri si candidò e conquistò 12 consiglieri su 20. Per me fu un maestro, di politica e di amministrazione. Realizzò importanti opere che impressero una svolta al paese, come la nuova scuola materna, le aree artigianali e produttive, l’edilizia popolare. Ma di lui mi piace ricordare soprattutto l’onesta e la trasparenza: fu un esempio di buona amministrazione per tutti perché indicava agli altri la strada da seguire coll’esempio, non con le parole. Era un uomo del fare, più che dell’apparire, una persona corretta sotto ogni punto di vista, che si è dedicata agli altri senza mai approfittare della sua posizione”.

 

Piazzai rende omaggio a Neri ricordando l’attualità del suo amministrare. “Nel ’72 – dice – al momento dell’insediamento dichiarò: ‘Vogliamo inquadrare la soluzione dei problemi locali nella nuova realtà regionale e nell’associazionismo tra diversi comuni di un comprensorio omogeneo in collegamento con la Provincia, e intendiamo avvalerci della partecipazione attiva di tutti i cittadini, promuovendo la costituzione di consulte popolari, rionali, di frazioni e di categoria’. Fu quindi un amministratore capace di vedere lontano, che lavorò con tanto impegno rubando tempo alla famiglia per dedicarsi agli altri. In un periodo in cui si parla spesso di questione morale, un esempio più attuale che mai”.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

DOBBIAMO MOLLARE ? /l'ultimo articolo su Tarquinia Città di Luigi Daga. Parla anche della mafia a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...

Italia Nostra Etruria: su completamento SS 675 decisivo solo parere Corte di Giustizia Unione Europea

Non siamo appassionati delle corse della politica ad accreditarsi meriti spesso poco reali sui...

Viterbo, terremoto oggi: scossa di terremoto ad Arlena di Castro

Lazio, ultime notizie Tuscia: scossa di terremoto di oggi in provincia di Viterbo. Un...

RICORDIAMO PEPPINO IMPASTATO NELL' ANNIVERSARIO DELLA MORTE

Ricorre l'anniversario della morte di Peppino Impastato, assassinato dalla mafia il 9 maggio...