Stampa, radio, televisione e rete descrivono la recessione che avanza. Il Governo sollecita i cittadini a consumare come se niente fosse accaduto ma gli esperti di settore affermano che i comportamenti degli italiani saranno altri, perché molti sentono che il problema è grande e le parole degli imbonitori non bastano a convincere le famiglie che invece riducono i consumi. Molta parte delle loro  risorse servirà a sanare debiti, soprattutto mutui. Sono tante quelle “vittime” dei tassi bassi offerti dalle banche, c'è chi parla di centinaia di migliaia di nuclei e chi di numeri ancora più alti. All'atto dell'acquisto non hanno considerato che il prezzo era stato gonfiato dalla speculazione immobiliare, convinte dalla pubblicità di settore che il mattone è un investimento sicuro. Alla ridotta disponibilità di denaro causata dall'aumento delle rate di mutuo e dalla contrazione delle entrate famigliari, si aggiunge la situazione amara di pagare rate sempre troppo alte rispetto ad un valore della casa acquistata che diminuisce. E i prezzi scendono rapidamente. È una spirale: le quotazioni che scendono spingono molti a vendere e i prezzi calano sempre più perché aumentano gli immobili disponibili sul mercato: c'è chi vende per realizzare prima che il prezzo scenda ancora, c'è chi vende prima di un possibile pignoramento, c'è chi vende perché ha bisogno di liquidità.

Il fenomeno descritto è solo una sfaccettatura di una più generale crisi che non è solo economica. Molti sentono la gravità della questione ambientale e climatica e cominciano a interrogarsi. In tanti riflettono su se stessi come parti di un sistema che non è orientato al reale benessere delle persone, organizzato com'è secondo logiche di produzione e consumo che hanno ormai poco di umano. I soldi non bastano e il tempo per procacciare ancora più soldi viene preso dove sembra che non abbia costo (famiglia, tempo libero, ...) salvo poi scoprire che tante coppie scoppiano e molti figli pagano il prezzo e tutto questo per produrre e consumare un sacco di roba che non ci serve: qual'è il senso di produrre beni inutili estraendo inutilmente materie prime, velocizzando sempre più lo spostamento inutile di merci e persone, soffocando con cementificazioni sempre più invasive madre natura e soprattutto inquinando per  produrre e consumare di più. Tutti quelli che inquinano dispongono di soldi che danno volentieri a chi li lascia fare. Così vorrebbe fare Enel, complici il governo, la regione e i sindaci,  cercando di comprare il diritto di inquinarci. Ma è un diritto personale inalienabile e non c'è sindaco né gerarchia di partito o lobby economica che possa disporne contro la nostra volontà.

 

Ernesto Cesarini

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

DOBBIAMO MOLLARE ? /l'ultimo articolo su Tarquinia Città di Luigi Daga. Parla anche della mafia a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...

Italia Nostra Etruria: su completamento SS 675 decisivo solo parere Corte di Giustizia Unione Europea

Non siamo appassionati delle corse della politica ad accreditarsi meriti spesso poco reali sui...

Viterbo, terremoto oggi: scossa di terremoto ad Arlena di Castro

Lazio, ultime notizie Tuscia: scossa di terremoto di oggi in provincia di Viterbo. Un...

RICORDIAMO PEPPINO IMPASTATO NELL' ANNIVERSARIO DELLA MORTE

Ricorre l'anniversario della morte di Peppino Impastato, assassinato dalla mafia il 9 maggio...