Concrete novità per i comitati che si battono contro il carbone e da anni denunciano l'inaffidabilità dei rilevamenti di qualità ambientale effettutati da Enel o dall' Enel controllati. La Procura della Repubblica di Civitavecchia ha aperto un'inchiesta per indagare sulla reiterata omissione di atti d'ufficio da parte di funzionari pubblici incaricati di acquisire e pubblicare i dati ufficiali delle centraline di rilevamento della qualità dell'aria. La questione riguarda l'Osservatorio Ambientale di Civitavecchia istituito in base alle previsioni prescrittive della V.I.A. di TVN, che al punto n.5 stabilisce: "si dovrà istituire un osservatorio ambientale allo scopo di analizzare lo stato ambientale del comprensorio" L'Osservatorio Ambientale, che avrebbe dovuto essere un presidio a tutela delle popolazioni, non ha prodotto un solo studio sulla reale condizione ambientale e sanitaria del comprensorio, perché è stato pianificato per non funzionare: se il controllato (Enel) è coinvolto in qualunque modo nella procedura di controllo è stupido ritenere che i dirigenti di Enel possano agevolare l'acquisizione regolare e corretta di dati che li potrebbero inchiodare a responsabilità penali. Per comprendere che l'Osservatorio Ambientale è una bufala, al pari del "carbone pulito",basta sapere che le centraline di rilevamento della qualità dell'aria appartengono ad Enel S.p.A. che ne cura pure il funzionamento. Anche Tarquinia è presente nella mappa dei rilevamenti ma dove sia la centralina è da sempre un mistero.

Per capire ancora meglio che l'Osservatorio Ambientale è un'autentica fregatura, è sufficiente andare sul sito web www.osservatorioambientale.org ed appare subito chiaro che l'informazione rivolta agli utenti è ridicola: ogni dato rilevato dalle centraline dovrebbe essere liberamente accessibile sul sito, invece non esiste nulla. Ma qualcosa si muove dopo anni di denunce, tra cui la totale mancanza di dati sull'inquinamento del porto di Civitavecchia. L'inquinamento comunque prodotto non si ferma a Civitavecchia e difendere la salute dei cittadini della città portuale è difendere la salute di tutti, perché le particelle ultra fini emesse bruciando combustibili fossili si spostano molto velocemente spinte dal vento e non risparmiano nessuno. Purtroppo la latitanza delle istituzioni preposte a vigilare è cosa grave e se fino a poco fa le responsabilità maggiori sul funzionamento dell'Osservatorio Ambientalericadevano sul sindaco di Civitavecchia oggi l'Enelattua una manovra diversiva e allarga la platea dei corresponsabili. Gli altri sindaci "stanno cadendo nel tranello" di fare comunella con il controllato. Il grado di compromissione del sindaco di Tarquinia sta crescendo paurosamente. Grazie a lui, l'Enel, già proprietaria delle centraline che rilevano la qualità dell'aria e già finanziatrice dei monitoraggi, sarà il simbolico "padrone di casa" delle strutture che ospiteranno l'Osservatorio Ambientale presso le Saline di Tarquinia, che Enel ha espropriato,complice il sindaco, alla popolazione tarquiniese. È auspicabile che l'iniziativa della magistratura sia di monito per gli altri sindaci e i consiglieri comunali che li sostengono e li dissuada dalrendersi ancora più complici della società elettrica. La nostra preoccupazione ora è rivolta all'evidenza delle omissioni da parte dei responsabili dell' Osservatorio Ambientale, che oltre le centraline hanno riguardato anche le indagini epidemiologiche necessarie a monitorare lo stato di salute degli abitanti del comprensorio inquinato prima e dopo l'accensione della centrale di TVN, ma che non sono mai state fatte.

Ora manca del tutto lo stato sanitario prima dell'accensione dell'impianto a carbone e i sindaci che prenderanno in carico questa omissione potranno essere responsabili di ciò che accadrà in futuro. Rimarrà tra le mani dei 4 sindaci un cerino acces se i monitoraggi saranno falsi i comitati saranno i primi a dare l'allarme. Se invece daranno risultati allarmanti quale sindaco per primo ammetterà cheil nostro territorio è compromesso?
Dato che hanno stipulato un accordo economico per l'esercizio della centrale, quando verranno diffusii dati allarmanti sull'inquinamento cosa faranno? Chiuderanno il traffico nelle città? Se la prenderanno con le caldaie casalinghe? Se la prenderanno con gli agricoltori? Daranno, come a Brindisi, la colpa dell'eccessivo aumento di PM10 alla combustione delle potature delle campagne?
Enel S.p.a. li sta impacchettando.

Movimento no coke Alto Lazio
 www.nocoketarquinia.splinder.com
nocoketarquinia@yahoo.it

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Il libro di Antonello Durante ci spiega il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

TUSCIA, FARNESE / la Riserva del Lamone, dove flora e fauna vivono incontaminate

La Riserva del Lamone è situata in provincia di Viterbo, nel Comune di Farnese, nel cuore della...

REPORT, RAI3, Lunedì alle 21:20. Noccioleti, fitofarmaci e aumento dei tumori

Nella zona del viterbese tra Nepi e il lago di Vico il 90 per cento del patrimonio arboreo è...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...