ROMA - ( UnoNotizie.it ) -  Greenpeace Italia lancia una nuova cyber-azione, una petizione on line, unendosi al coro di migliaia di voci nel mondo, per chiedere alla Philips un impegno completo sul piano ambientale.

Da quando, un anno fa, l’azienda è stata introdotta in penultima posizione nell’Eco-guida ai prodotti elettronici verdi, una classifica di diciotto multinazionali leader di pc, cellulari, TV e console, la Philips non è mai riuscita a salire nelle prime posizioni, aggiudicandosi al meglio il dodicesimo posto in classifica.

Seppure con una discreta posizione in tema di gestione chimica e sui criteri relativi a clima e energia, Philips è stata fino a oggi penalizzata perché non si assume la piena responsabilità di gestire tutti i suoi prodotti. E’ una prerogativa fondamentale sostenere il principio di responsabilità individuale del produttore, secondo cui ogni azienda deve gestire, anche economicamente, i propri rifiuti elettronici.

“Grazie alla pressione condotta da Greenpeace nel mondo, in questi giorni Philips sta prendendo in considerazione un cambiamento di rotta
della sua politica.- Spiega Vittoria Polidori responsabile campagna Inquinamento di Greenpeace.- Philips deve seguire i suoi slogan e agire con ‘buon senso e semplicità’ occupandosi del recupero e riciclo dei suoi prodotti laddove sono in vendita”.

Greenpeace chiede alla multinazionale olandese due impegni concreti: offrire ai propri clienti servizi globali di ritiro dei prodotti a fine vita e finanziare le operazioni di riciclo a cui ogni nuovo articolo messo in commercio sarà sottoposto una volta diventato obsoleto.

“Philips deve assumersi la piena responsabilità dei propri prodotti che non servono più e non può certo scaricarla su clienti, governi o altri produttori - conclude Polidori. - In relazione alle richieste avanzate, Greenpeace attende un chiaro segnale da parte dell’azienda in grado di dimostrare che il cambiamento è in corso.”

Greenpeace sta spingendo le aziende elettroniche a rendere più sostenibili le loro filiere. Multinazionali come Nokia, Sony Ericsson, Toshiba e Samsung si posizionano bene sui temi ecologici. Philips deve fare lo stesso per diventare leader anche in campo ambientale.



LINK
Cyberazione: Scrivi all’amministratore Delegato di Philips
http://www.greenpeace.org/italy/campagne/inquinamento/hi-tech/philips

Le richieste di Greenpeace a Philips:
http://www.greenpeace.org/raw/content/italy/ufficiostampa/file/richieste-philips

Eco-guida ai prodotti elettronici verdi:
http://www.greenpeace.org/italy/news/ecoguida-10

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...