POTENZA - (UNONOTIZIE.IT) - Mentre la gestione del parco nazionale Appennino Lucano Val d'Agri Lagonegrese è "congelata" sul nominativo del commissario dai ricorsi incrociati della Regione Basilicata e del Ministero dell'Ambiente, la Giunta Regionale della Basilicata, con proprie recenti Deliberazioni del 29 e 30 dicembre 2008, ha autorizzato la messa in produzione di 5 nuovi pozzi petroliferi, di cui 4 ricadenti nel perimetro del parco nazionale in cui vige il "divieto di ricerca ed estrazione di idrocarburi liquidi e gassosi, nonché di attività petrolifere nell'area parco" ai sensi dell'art. 3, lettera "n" del DPR 8 Dicembre 2007.

La Giunta Regionale della Basilicata – ribadisce la OLA, Organizzazione Lucana Ambientalista, coordinamento apartitico di associazioni e comitati dei cittadini - ha infatti autorizzato la messa in produzione di 4 nuovi pozzi ENI denominati "Agri 1OR-A", "Agri 1 OR-B", "Cerro Falcone 6 OR", e "Cerro Facone 9OR" nel territorio comunale di Marsiconuovo. La OLA ha chiesto in proposito alla Direzione Protezione della Natura del Ministero dell'Ambiente, Tutela del Territorio e del Mare di intervenire con urgenza sulla Regione affinché verifichi la correttezza formale delle procedure seguite dagli Uffici del Dipartimento Ambiente della Regione Basilicata, sospendendo di conseguenza l'efficacia dell'autorizzazione regionale.

La Regione Basilicata, secondo la OLA, avrebbe infatti aggirato i vincoli imposti dal Decreto istitutivo del parco attraverso il ricorso all'espediente dell'accordo sottoscritto del 2001 fra Ministero dello Sviluppo Economico e Regioni per la concessione di coltivazione di idrocarburi Val d'Agri (ex Volturino) in cui non risultano inclusi i nuovi pozzi petroliferi autorizzati. Inoltre la Regione non ha richiesto il parere obbligatorio del Ministero dell'Ambiente essendo le nuove “attività petrolifere incluse nell’area parco”.

E' grave che la Regione aggiri le misure di salvaguardia del parco nazionale negando che all'interno del perimetro del parco nazionale vi siano pozzi petroliferi, nonostante l'Ufficio Tutela della Natura della stessa Regione Basilicata, in un proprio report, indichi in 11 i pozzi petroliferi situati nel parco a cui oggi vanno aggiunti i 4 nuovi pozzi autorizzati nel mese di dicembre dalla Giunta Regionale mentre si profilano ulteriori autorizzazioni nell'area protetta nell'ambito dei permessi di ricerca denominati "Satriano" (ENI -Valle del Melandro), "Anzi "(ENI - Val d'Agri-Val Camastra), "Pignola" (Shell - Val d'Agri), "La Cerasa" (Shell - Valli dell'Agri-Melandro), "Grotte del Salice" (Shell- Val d'Agri -SIC/ZPS Timpa San Lorenzo), "Monte Cavallo" (Shell - Val d'Agri - Cilento Vallo di Diano/Salerno).

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...