Roma - (UnoNotizie.it) - Le drammatiche notizie sui livelli di inquinamento industriale rilevati nella Valle del Sacco, emersi dalle indagini epidemiologiche che coinvolgono i comuni di Colleferro, Segni e Gavignano, non offrono tuttavia un’analisi esauriente della situazione in quei territori. Un quadro sanitario completo ed aggiornato, infatti, non può prescindere dalla valutazione di un altro elemento destabilizzante: l’Elettrosmog, spesso sottovalutato dalle istituzioni, ma fonte di altissimi rischi per la salute.  

Colpevoli sono ritenuti gli impianti di trasmissione radiotelevisiva, concentrati soprattutto in alcuni dei comuni più elevati della Valle del Sacco.   Tra questi figura Segni, che detiene il non invidiabile primato di decine e decine di antenne radio, Tv e telefonia mobile, installate da anni sulla sommità del paese. Si tratta, manco a dirlo, di impianti totalmente abusivi, tollerati in nome dell’espletamento di un servizio pubblico, ma la cui presenza invasiva desta da sempre forti preoccupazioni tra i residenti, anche a causa dei numerosi decessi e patologie gravi riscontrate in prossimità degli impianti.  

Le verifiche effettuate segnalano valori allarmanti: un costante superamento dei limiti di legge, con picchi che si attestano intorno ai 20/30 V/m!   Il Coordinamento dei comitati contro l'elettrosmog, pertanto, lancia un appello alla Regione, il cui presidente Marrazzo, oggi è in visita nelle zone devastate della Valle del Sacco, affinchè assuma iniziative urgenti per disporre uno studio epidemiologico diretto a stabilire le cause dell'eccesso di mortalità e di patologie gravi in soggetti residenti presso gli impianti radiotelevisivi del Comune di Segni.  

Giuseppe Teodoro
Coordinatore dei Comitati Romani contro l'Elettrosmog  
g.teodoro@alice.it

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...