POTENZA - (UnoNotizie.it) - Egregio Presidente Vito De Filippo, Le scrivo in seguito alla trasmissione televisiva “Ambiente Italia”, andata in onda su Rai Tre, Sabato 24 Gennaio 2009, nella quale si parlava della “gruviera”

Basilicata e dell'assurdo binomio Petrolio-Parco Val d'Agri, che ancora oggi si tenta di sostenere. In quell'occasione – mi permetta di essere franco – Le ho visto rimediare una bella “figuraccia”, allorquando – interrogato sulla questione dei monitoraggi sugli inquinanti pericolosi (Idrogeno Solforato, IPA, COV, Benzene), derivanti dall'estrazione petrolifera, tentava di far passare sulle reti nazionali una verità che non trova riscontro nei fatti. Immediatamente smentito dalle dichiarazioni che Le sono seguite, credo abbia compreso che qualcosa - nella sua macchina comunicativa - si sia inceppato. E me ne dispiace.

 

In questi anni, per mezzo e per conto dell'Organizzazione che rappresento e di quei comitati, associazioni e cittadini di cui – senza presunzione alcuna vorrei farmi portavoce – abbiamo avuto modo di interrogare Lei ed il Suo assessore all'Ambiente, Vincenzo Santochirico, sul cospicuo numero di autorizzazioni petrolifere, sulle inefficienze, sugli attacchi al territorio e alla salute dei cittadini - tema questo molto importante, viste le altissime percentuali di casi di tumore nella nostra Regione, che dimostrano la presenza di numerose fonti inquinanti, di varia natura. E poi, ancora, sulle svendite unilaterali, sulle manciate di royalty come peggior specie di risarcimento ad una terra che vive di disoccupazione e spopolamento e non di sviluppo energetico, come più volte Lei ci ha ribadito, prima, durante e dopo ogni campagna elettorale. Chiaramente, ogni nostro interrogativo non solo è stato ignorato, ma per giunta demonizzato. Tanto a parlare sono sempre i soliti ambientalisti! Gli appartenenti ad un fronte del “no”

che La infastidisce oltre misura, perché non solo dissente dal Suo modo di gestire la “cosa pubblica”, ma Le offre la possibilità di valutare occasioni alternative di sviluppo, alle quali Lei non crede, perché investito da una quasi profetica “missione petrolifera”.

 

Prima di scriverLe ho volute attendere che Lei risolvesse – con un puro esercizio di facciata – la crisi regionale in atto: cosa ardua, visto che ha radici profonde, oggi ancor più “solide” grazie al Suo operato. La strada imboccata è molto vicina a quella dell'irreversibilità.

Ora però, alla luce delle recenti autorizzazioni di messa in produzione di 5 nuovi pozzi petroliferi (4 ricadenti nel perimetro del Parco Nazionale Appennino Lucano Val d'Agri-Lagonegrese ed uno a soli 500 metri dall'Ospedale di Villa d'Agri), mi sono munito di carta e penna, decidendo di importunarLa. Sono sicuro che ha già la risposta pronta - o la frase ad effetto - per giustificare il continuo aggiramento dei vincoli imposti dal Decreto Istitutivo del Parco della Val d'Agri, che con queste new entry, può contare ben 15 pozzi al suo interno e 6 sui confini, unitamente ai circa 700 km di oleodotti (Se lo desidera, potremmo soffermarci - insieme - a guardarne la mappatura).

Un bel biglietto da visita – direi - per tutti quegli inviati delle varie testate giornalistiche nazionali, venuti a raccontare le “vie del petrolio lucano”, e per tutti quelli che sarà costretto ad accogliere.

 

Immerso in questo scenario, La considero una persona molto fortunata, perché può avvalersi del sostegno di molti amministratori lucani che posti di fronte ad un bivio hanno “deciso” di barricarsi dietro il silenzio-assenso, preferendo le bocche chiuse e sperando di alleviare la loro coscienza, con miseri sconti sulla benzina, con qualche infrastruttura o con il miraggio delle royalty e dei nuovi posti di lavoro. Oppure, svoltare dall'altra parte e delegare alla Sua classe politica le sorti di una regione sempre più alla deriva. Ed intanto, gli interessi lobbistici e multinazionali prevaricano su quelli collettivi.

 

Forse oso troppo, ma con la presente missiva vorrei invitarLa a dimettersi. Se poi lo facesse anche l'intera Giunta, risparmierei fiato ed inchiostro. Sicuramente, non sono la persona giusta per farlo, non occupando nessuna illustre poltrona, ma siccome il “suo” partito - mai amalgamato - è colpito da una forte spaccatura interna, e le opposizioni gioiscono per i tozzi di pane ricevuti dal Governo, me ne arrogo il diritto, con un po' di speranza, anche perché come diceva Spinoza (che Lei dovrebbe conoscere), “il desiderio è l'essenza dell'uomo”.

 

Con stima, dai Comuni in polvere, La saluto cordialmente.

 

Pietro Dommarco, Presidente della OLA

Organizzazione Lucana Ambientalista

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...