ROMA - (UnoNotizie.it) - “Una stagione venatoria difficile, sotto vari profili, che chiama a un impegno improrogabile sulla migliore applicazione della legge”. E’ il commento della LIPU-BirdLife Italia a chiusura della stagione venatoria 2008/2009, su cui l’associazione ha prodotto un dossier-riassunto con i principali numeri ed eventi: delle 34 specie cacciabili in Italia, 18 sono in declino mentre 11 sono cacciate oltre il periodo consentito dalla Direttiva europea. La Lombardia autorizza l’abbattimento in deroga “ludica” di specie protette di oltre un milione di uccelli, il Veneto più di 700mila, le Marche 260mila. Ventiduemila trappole per l’uccellagione rimosse dalla LIPU nel cagliaritano. Vicina al deferimento alla Corte di Giustizia europea la procedura d’infrazione 2131/2006 aperta contro l’Italia per numerose violazioni alla direttiva comunitaria, tra cui l’attività venatoria.

 

“Una prima nota generale – afferma Claudio Celada, Direttore Conservazione Natura LIPU-BirdLife Italia - va fatta sullo stato di applicazione della legge. Se a distanza di 16 anni l’impianto della legge 157 si dimostra ancora molto valido, una necessaria svolta deve registrarsi sulla sua applicazione e sul complessivo governo della materia faunistica e venatoria. Ad oggi, ad esempio – prosegue Celada - è ancora assente un resoconto serio su come la legge quadro nazionale e le leggi regionali di recepimento abbiano funzionato. Il che, oltre a rappresentare una violazione della legge medesima all’articolo 35, impedisce di conoscere quanta pressione venatoria venga esercitata sulla fauna e l’ambiente e quali eventuali azioni correttive vadano attivate”.

 

“Zone d’ombra - continua Celada - si registrano sul tema dei ripopolamenti faunistici, che provocano non pochi problemi di conservazione come quelli che hanno contribuito alla quasi estinzione della Pernice rossa, o come il caso del Cinghiale, rispetto a cui da un lato si levano le proteste per l’eccessiva presenza della specie e dall’altro continuano incessanti le immissioni con esemplari dell’Est Europa”.

 

“Gravissima poi la situazione delle deroghe, con oltre due milioni di uccelli non cacciabili abbattuti in violazione delle normative comunitarie. In questo senso, la maglia nera va ancora a Veneto e Lombardia che, nonostante le contestazioni europee e persino l’intervento della Corte Costituzionale, hanno continuato ad concedere deroghe. Situazione che ha tuttavia registrato il clamoroso mea culpa del Presidente Formigoni e la recentissima delibera di giunta con cui la Lombardia dichiara definitivamente tramontata la stagione delle deroghe."

 

Luci ed ombre si notano poi sul fronte del bracconaggio, laddove a fronte di casi di miglioramento quali lo Stretto di Messina e l’arcipelago campano, permangono situazioni preoccupanti in Sardegna e nel bresciano, dove l’uccellagione impazza e sono decine di migliaia le trappole sequestrate”.

 

“Nessuna risposta, se si eccettua il decreto sulla Rete Natura 2000 del novembre 2007, giunge infine alle procedure di infrazione europee, che hanno nelle deroghe un punto centrale ma che riguardano altri aspetti fondamentali della conservazione degli uccelli tra cui la tutela dei periodi di migrazione o dello stato di conservazione, sui cui l’Italia deve urgentemente mettersi in regola”.

 

“In definitiva – conclude Celada - una stagione e più in generale una situazione difficile, che chiede a tutti un impegno maggiore in termini di tutela della natura e migliore governo della materia e chiama, oggi che si parla nuovamente di modificare la 157, a respingere con decisione ogni forma di deregulation. Non occorre alcuno stravolgimento dell’impianto normativo. Occorre invece migliorare alcune regole, rendendole più efficaci e più applicate”.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Il libro di Antonello Durante ci spiega il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

TUSCIA, FARNESE / la Riserva del Lamone, dove flora e fauna vivono incontaminate

La Riserva del Lamone è situata in provincia di Viterbo, nel Comune di Farnese, nel cuore della...

REPORT, RAI3, Lunedì alle 21:20. Noccioleti, fitofarmaci e aumento dei tumori

Nella zona del viterbese tra Nepi e il lago di Vico il 90 per cento del patrimonio arboreo è...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...