ROMA (UnoNotizie.it) - Continua l’abbattimento degli storici pini nel quartiere capitolino della Garbatella: anche in queste ore le motoseghe sono tornate in azione e sono già una ventina gli alberi tagliati. E Legambiente Lazio si mobilita e, intanto, invia un esposto alle autorità competenti (Servizio Giardini del Comune di Roma, Dipartimento ambiente Regione Lazio, Soprintendenza per i Beni Architettonici ed il Paesaggio, Vigili del Fuoco), per verificare le motivazioni del taglio e le autorizzazioni ricevute, visto anche che gli alberi interessati, collocati all’interno degli spazi di proprietà dell’Ater (Azienda Territoriale Edilizia Residenziale), sono protetti da molteplici vincoli ambientali.

 

Uno scempio così grande di alberi snatura la salubrità dell’aria, la bellezza e la vita degli abitanti di Garbatella –dichiara Annamaria Baiocco, vice presidente del Circolo Garbatella di Legambiente-. Giungono al nostro circolo appelli accorati per capire quale sarà l’entità della “strage” e se e quando verranno ripiantati gli alberi. I cittadini sono pronti a reagire contro le motoseghe per la salvaguardia del loro quartiere.”

 

Il caso di Garbatella non è isolato: sono 15 le segnalazioni giunte nel solo mese di Gennaio 2009 a Legambiente Lazio, con decine e decine di alberi abbattuti, sia su suolo pubblico che privato.

 

La vicenda dei pini di piazza Venezia sembra non aver insegnato niente, anche in questo caso i cittadini hanno visto le motoseghe in azione senza aver saputo nulla circa le motivazioni di un abbattimento così indiscriminato, che sta cambiando il volto del quartiere storico di Garbatella –dichiara Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. E’ ora di finirla, con motivazioni tutte da verificare in giro per la città si stanno abbattendo decine e decine di alberature, improvvisamente divenute tutte malate, instabili o con apparati radicali deteriorati, utilizzando la scusa del maltempo o addirittura speculando su fatti drammatici. Non si può procedere per singoli casi, serve un piano preciso, che chiediamo di poter conoscere, se già esiste, potendo così anche verificare quanto programmato. Non si può cambiare il volto della città a colpi di motosega, come sta avvenendo nel caso dello storico quartiere romano di Garbatella con il taglio di alberi secolari che ne caratterizzano le vie. Soprattutto senza spiegare ai cittadini cosa stia avvenendo, senza coinvolgere gli abitanti, senza presentare allo stesso tempo un serio programma di regolare manutenzione per le meravigliose alberature di Roma.”

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Un libro di Antonello Durante per capire il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...