POTENZA (UnoNotizie.it) - La OLA (Organizzazione Lucana Ambientalista) – Coordinamento apartitico territoriale di Associazioni, Comitati, Movimenti e Cittadini – comunica di aver ricevuto, in data 5 Febbraio 2009, un'importante nota della Direzione per la Protezione della Natura del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio, nella quale (previa nostra segnalazione con esposto datato 22 Gennaio 2009, nel quale si chiedeva di verificare la correttezza formale degli iter autorizzativi adottati dalla Regione Basilicata, relativi ai 4 pozzi ricadenti all'interno del perimetro del Parco della Val d'Agri) viene chiesto al Dipartimento Ambiente, Territorio e Politiche della Sostenibilità della Regione Basilicata e all'Ente Parco Nazionale dell'Appennino Lucano-Val d'Agri-Lagonegrese di fornire, con un urgenza, al suddetto Ministero dettagliate informazioni sulle procedure adottate dai singoli Uffici competenti – circa le autorizzazioni di messa in produzione dei 4 pozzi ricadenti nel perimetro del Parco della Val d'Agri - tenuto conto dei vincoli imposti dalla normativa vigente per gli interventi ricadenti in un'Area naturale protetta.

 

Di seguito, la OLA, riporta - integralmente - la nota ministeriale appena citata:

 

“Oggetto: Nuove trivellazioni petrolifere nel Parco Nazionale Val d'Agri E' pervenuta via mail in data 22 Gennaio 2009 presso la scrivente Amministrazione un esposto da parte dell'Organizzazione Lucana Ambientalista (Ola), che legge per conoscenza, inerente la messa in produzione di cinque pozzi petroliferi di cui quattro ricadenti nel perimetro del Parco Nazionale Appennino Lucano - Val d'Agri. La messa in produzione dei suddetti pozzi è stata autorizzata con le Deliberazioni nn. 2216 e 2218 datate rispettivamente 29 e 30 dicembre 2008 dalla Giunta della Regione Basilicata. A tal riguardo, in riferimento alle indicazioni sopra fornite, si chiede alle Amministrazioni in indirizzo di voler far conoscere dettagliate informazioni sulle procedure adottate dai singoli Uffici competenti tenuto conto dei vincoli imposti dalla normativa vigente per gli interventi ricadenti in un'Area naturale protetta. Si resta in attesa di un riscontro urgente alla presente richiesta di informazioni”.

 

OLA - Organizzazione Lucana Ambientalista -

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...