POTENZA (UnoNotizie.it) - La OLA (Organizzazione Lucana Ambientalista) - Coordinamento apartitico territoriale di Associazioni, Comitati, Movimenti e Cittadini - ha chiesto che il Ministero dell'Ambiente, attraverso gli Uffici della Direzione Protezione della Natura, tecnici Apat ed il Commissario del Parco Appennino Lucano Val d'Agri Lagonegrese, verifichi la situazione ambientale relativa alla messa in produzione del pozzo petrolifero Eni denominato "Cerro Falcone 2X" (Concessione Val d'Agri ex Volturino) che, a giudizio della OLA, sta compromettendo l'integrità di habitat inclusi nei pSIC/ZPS del Parco Nazionale Appennino Lucano Val d'Agri Lagonegrese.

Il pozzo Cerro Falcone 2X è ubicato a circa 1300 metri sul livello del mare. Uno studio, condotto dal Cnr e dall'Università degli Studi della Basilicata, definisce l'area ad elevata vulnerabilità per quanto riguarda gli acquiferi. Il pozzo petrolifero si trova nel SIC denominato Serra di Calvello e nella ZPS denominata Monte Volturino, inclusi in Zona 1 nel perimetro del Parco Nazionale Appennino Lucano Val d'Agri Lagonegrese.

 

Di recente, sulla preesistente postazione, è stata reinstallata la torre di trivellazione finalizzata a mettere in produzione il pozzo petrolifero. Da fonti di stampa locale, i lavori di trivellazione di cui trattasi sarebbero stati sospesi per non meglio specificati motivi tecnico-burocratici. Inoltre, sarebbe stato riposizionato un oleodotto di diametro più grande per permettere il trasporto del greggio. In proposito, la OLA ha chiesto al Ministero di conoscere se le autorizzazioni ambientali siano rispondenti a tutti i requisiti di correttezza formale degli iter autorizzativi, previsti dalla vigente normativa del Parco, anche rispetto ai pareri di competenza del Ministero dell'Ambiente in base agli Artt. 142 e 146 del Decreto Legislativo n. 42/2004 ed alle misure di salvaguardia contenute nel DPR Istitutivo del Parco.

 

La OLA ricorda come poco distante dal pozzo petrolifero, il Corpo Forestale dello Stato, su disposizione dell'autorità giudiziaria, in data 20 Novembre 2008, ha posto sotto sequestro l'area attrezzata "Acqua dell'Abete" ed il sindaco di Calvello, di recente, ha disposto - a scopo precauzionale

- la sospensione idrica presso i fontanili dell'attigua area attrezzata. In riferimento a quanto sopra esposto ed alle problematiche di tutela del parco, la OLA ha chiesto un incontro urgente al Commissario Ing. Domenico Totaro offrendo il proprio supporto conoscitivo all'Ente gestore, per azioni a garanzia dell'integrità del Parco Nazionale e dei pSIC/ZPS dell'Unione Europea.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Il libro di Antonello Durante per capire il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...