VITERBO (UNONOTIZIE.IT)

Partecipato e coinvolgente, poco ideologico, molto puntato a valutare scientificamente costi e benefici delle scelte energetiche in termini economici, sociali e ambientali, anche per la Tuscia: queste le caratteristiche dell’incontro svoltosi venerdì presso la sala conferenze della Provincia.

Antonio Filippi, della Cgil nazionale, ha proposto dati, fornito analisi e ragionato sulle scelte energetiche del governo italiano. Scelte che potrebbero avere ricadute per la riapertura del capitolo nucleare a Montalto di Castro, alla cui vicenda è stata legata una parte importante dell’ambientalismo e del sindacalismo italiano.

L’europarlamentare Umberto Guidoni ha esaminato le opportunità a livello europeo il riferimento principale è alla cosiddetta Direttiva 20-20-20 (20% di risparmio energetico, 20% di produzione da fonti rinnovabili, 20% di Co2 in meno entro il 2020), sottolineando come i modelli energetici rispondono anche a modelli sociali, più o meno aperti, più o meno democratici.

Gianni Mattioli, docente de La Sapienza e leader storico dell’ambientalismo italiano, ha fornito un trascinante ed esauriente contributo scientifico, richiamando l’attenzione sui dati storici e culturali che rendono necessaria l'opposizione alla scelta del nucleare in questo momento.

Roberto Ballarotto, dello Sportello per Kyoto delle Regione Lazio, ha presentato nel dettaglio alcune delle azioni che è possibile mettere in campo. L’assessore provinciale all’ambiente Tolmino Piazzai ha invece proposto una panoramica sulla situazione della Tuscia e sull’impegno che l’amministrazione sta operando per puntare, anche con piccole iniziative, verso modelli di produzione e di consumo energetico più sostenibili.

L’iniziativa, voluta da tre associazioni della sinistra viterbese, ha segnato un interessante momento di confronto, molto puntato sulle questioni concrete, che suggeriscono l’irrazionalità e l’antieconomicità della scelta nucleare ed evidenziano l’opportunità rappresentata da un modello di produzione diffuso basato sulle energie rinnovabili. L’idea è di dare seguito a questo impegno proponendo un ordine del giorno al Consiglio Provinciale e agli enti locali sulle scelte energetiche del territorio.


Democratici a Sinistra (Stefano Gavini)

Tuscia in progress (Andrea Cutigni)

Associazione per la Sinistra della Tuscia (Umberto Cinalli)

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...