ROMA (UNONOTIZIE.IT)

La LAV chiede al senatore D’Alì, Presidente della Commissione ambiente del Senato, di revocare immediatamente al senatore Orsi il mandato di relatore del testo unico che si propone di stravolgere la normativa vigente sulla tutela degli animali selvatici e sulla regolamentazione della caccia. 

Se il testo licenziato dal senatore Orsi venisse approvato così com’è, infatti, quelli che ad oggi sono gravissimi atti di bracconaggio ed inaccettabili violazioni alle normative europee, di fatto sarebbero resi legali: non vi sarebbe più alcun limite né controllo alla detenzione di uccelli usati come richiami nella caccia da appostamento; nei campi addestramento per i cani sarebbe possibile sparare per 12 mesi all’anno; i cacciatori potrebbero sparare a cani e gatti non custoditi; l’uso del fucile sarebbe consentito già al compimento del 16° anno di età, prospettando uno scenario in cui ragazzi minorenni si aggirano nei pressi delle abitazioni e delle strade armati di micidiali fucili con gittata fino a 2 Km di distanza! 

 “Non possiamo tollerare che il Sen. Orsi, un appassionato dichiarato della pratica venatoria, possa demolire la legge sulla tutela degli animali selvatici al solo scopo di soddisfare la propria sanguinaria passionedichiara Massimo Vitturi, responsabile LAV, settore caccia e fauna selvaticachiediamo che il Senatore D’Alì, Presidente della Commissione Ambiente del Senato, revochi immediatamente il mandato al suo compagno di partito, investendo del delicato compito istituzionale di relatore una persona che non sia arroccata sulle posizioni più estremiste del mondo venatorio e che tenga in debita considerazione le richieste del 74% degli italiani, che vorrebbe la chiusura definitiva della caccia!” 

Il senatore Franco Orsi, attuale relatore, infatti, si è più volte vantato di aver sottratto terreno ai parchi regionali consegnandolo ai cacciatori, quand’era assessore regionale in Liguria. 

Sarebbe logico pensare che una Commissione Parlamentare che si occupa di ambiente, si prodighi nel licenziare atti allo scopo di garantire la tutela della natura, della flora e della fauna. – conclude Massimo VitturiMa il condizionale è d’obbligo in un Paese, come il nostro, dove i cacciatori, nascosti dietro al paradossale concetto di “tutori dell’ambiente”, sostengono che l’unico modo per difendere la natura consiste nell’uccidere gli animali che la popolano”. 

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...