GENOVA (UNONOTIZIE.IT)

 

"Ringrazio Greenpeace che, come sempre, manifesta grossa attenzione per la tutela del golfo ligure" - dichiara Maurizio Ferraioli, responsabile per la Liguria del movimento Italia dei Diritti.

"Si tratta però - aggiunge - di una zona che, per il suo alto e imprescindibile valore ambientale, e parlo soprattutto della parte del cosiddetto santuario dei cetacei, non dovrebbe attendere sollecitazioni di questo tipo che servono sì a ricordare le ricchezze naturali del territorio ma che dovrebbero, d'altra parte, essere accompagnate dall'intervento delle istituzioni competenti, in questo caso dell'Italia, della Francia e del Principato di Monaco".

Questo è quanto detto da Ferraioli riguardo all'allarme sollevato dall'associazione ambientalista Greenpeace inerente al rischio inquinamento, traffico e pesca illegale nell'area marina ligure che causerebbero la fuga di balene e stenelle.

"Oggi - afferma il responsabile ligure dell'Italia dei Diritti - si tende a dare più importanza, nell'immediato, all'aspetto economico piuttosto che alla tutela dell'ambiente, sottovalutando il grosso apporto di lavoro che comunque un intervento di questo tipo comporterebbe.

A tale scopo sollecitiamo le autorità competenti e le Capitanerie di Porto, già attente a problematiche ambientali, a vigilare in misura maggiore affinché l'inquinamento, anche e soprattutto in quella zona, non la vada a penalizzare.

Alla Regione Liguria chiediamo, invece, un progetto mirato di tutela per un'area unica nel Mediterraneo e che, negli ultimi anni, è divenuta anche polo di attrazione per numerosi turisti". "Inoltre - aggiunge - è necessario porre in questa riserva marina d'altura un divieto di pesca e di immissione di sostanze pericolose al fine di proteggere un ecosistema unico di cui i cetacei sono sicuramente parte integrante".

 

 

A seguire la denuncia fatta da Greenpeace:

Dove sono finite le balene e i delfini del Santuario dei Cetacei del Mar Ligure? Greenpeace lancia i dati scandalo sul Santuario che indicano una netta diminuzione delle stenelle e delle balenottere che in dieci anni potrebbero essere diminuite del 50 e del 75 per cento, rispettivamente. Nessuno ha fatto niente per difendere i cetacei del Santuario e oltre alle minacce già note (inquinamento, traffico veloce, pesca illegale), Greenpeace ha scoperto una grave contaminazione da batteri fecali in alto mare. Il Santuario è oggi ridotto a una fogna a cielo aperto senza regole né controlli.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...