Giustizia: contro i tagli del Governo, giornata di mobilitazione nazionale di uomini e donne della Polizia Penitenziaria e del Corpo Forestale dello Stato!

                          

E alla fine ci sono riusciti!

 

L’ostinato, autoritario e reiterato rifiuto opposto dal Governo al dialogo e alle rivendicazioni avanzate dalle rappresentanze sindacali e militari del personale addetto alla sicurezza e difesa del Paese, provocherà domani - per la prima volta da quando è stato creato il Comparto Sicurezza – la discesa in piazza, in tutte le città italiane, di circa mezzo milione di operatori in divisa per protestare contro i fortissimi tagli – ben tre miliardi in tre anni - imposti al sistema sicurezza.

 

Un appuntamento che ha unito all’attuale fortissima insoddisfazione manifestata dagli addetti alla sicurezza e alla difesa del Paese per l’inaccettabile trattamento riservato con il decreto legge 112/08 e il mancato rinnovo del contratto di lavoro, l’inquietudine e la preoccupazione dovuta alle pesantissime conseguenze che rischiano di essere cagionate sull’intero sistema di sicurezza sociale con la conversione in legge del decreto.

 

In questo senso, i tagli introdotti con la manovra finanziaria del Governo si ripercuoteranno in maniera assolutamente drammatica sul sistema penitenziario e sui servizi assicurati dalla Polizia penitenziaria, soprattutto di quelli di traduzione dei detenuti ordinati dalle varie A.G.

 

Diminuiscono di circa 9 milioni di euro i fondi destinati alle missioni del personale,  di quasi 5 milioni di euro quelli destinati alle spese per il trasporto dei detenuti e degli internati, di circa 4 milioni di euro quelli fissati per l’acquisto e la manutenzione dei mezzi di trasporto, di circa 12 milioni di euro quelli complessivamente fissati per la manutenzione e il funzionamento degli istituti e servizi penitenziari.

 

Tagli imponenti alle spese per l’organizzazione e il funzionamento dei corsi di formazione e aggiornamento del personale, per l’organizzazione e il funzionamento degli asili nido dei figli dei dipendenti, per le attività culturali del personale di Polizia penitenziaria; ma anche all’istruzione e al sostentamento delle persone temporaneamente private della libertà, per la pulizia dei locali negli istituti, per il pagamento dei canoni acqua, luce, gas e telefono, per il riscaldamento dei locali, acquisto cancelleria, e molto altro ancora.

 

Nel totale, un taglio di spesa che ammonta a circa 120 milioni di euro solo per il Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria, un vero e proprio salasso che evidentemente si rifletterà su di un sistema penitenziario reso ormai nuovamente  sovraffollato - 56000 i detenuti presenti negli istituti ad oggi - e assolutamente inadeguato a garantire appieno il proprio mandato e, quindi, la stessa sicurezza.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

DOBBIAMO MOLLARE ? /l'ultimo articolo su Tarquinia Città di Luigi Daga. Parla anche della mafia a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...

Italia Nostra Etruria: su completamento SS 675 decisivo solo parere Corte di Giustizia Unione Europea

Non siamo appassionati delle corse della politica ad accreditarsi meriti spesso poco reali sui...

Viterbo, terremoto oggi: scossa di terremoto ad Arlena di Castro

Lazio, ultime notizie Tuscia: scossa di terremoto di oggi in provincia di Viterbo. Un...

RICORDIAMO PEPPINO IMPASTATO NELL' ANNIVERSARIO DELLA MORTE

Ricorre l'anniversario della morte di Peppino Impastato, assassinato dalla mafia il 9 maggio...