TUSCANIA - VITERBO (UnoNotizie.it) Da lungo tempo il dialogo tra i cittadini e le istituzioni (Amministrazioni, Enti pubblici, gruppi politici) si è deteriorato e ha allontanato la gente dalla gestione della cosa pubblica. Questo ha portato ad una visione limitata da parte degli amministratori di ogni ordine e grado e ha prodotto di conseguenza cattive gestioni e malcontento nella popolazione. Diventa quindi fondamentale recuperare questo dialogo per riavvicinare il popolo alle istituzioni e renderlo partecipe del governo cittadino. Il primo passo verso questa direzione è rappresentato dall’informazione, che il cittadino deve avere dalle amministrazioni e che l’amministrazione deve ricevere dai cittadini.

Informare il cittadino significa rendere trasparente e veramente pubblico tutto quanto avviene nel governo del paese: niente più delibere fantasma, bandi nascosti, gare camuffate e sotterfugi vari. Ogni cosa va resa pubblica con tutti i mezzi a disposizione (internet, giornali e pubblicazioni locali, tv di quartiere), in modo che il cittadino sappia ciò che succede, possa essere fatto partecipe della gestione del comune, possa avere le carte a disposizione per poter esprimere il suo giudizio e se necessario reclamare.

L’amministrazione dal canto suo deve prestare attenzione a ciò che i cittadini hanno da dire. Per fare questo si deve avvalere dei mezzi che sono già a disposizione: uffici preposti (URP) ad accogliere i cittadini, posta elettronica e convenzionale, contatto diretto con la popolazione.

Ma una buona amministrazione non deve solo aspettare, deve tornare in mezzo alla gente e periodicamente organizzare incontri con i cittadini. Incontri che accoglieranno di volta in volta gli abitanti dei vari quartieri, i commercianti, gli artigiani, gli agricoltori, gli operatori del turismo, i fornitori di servizi, le associazioni, le cooperative e tutte le altre componenti che formano il tessuto sociale, per conoscerne le problematiche e consapevolmente, in maniera partecipata, cercare le soluzioni e prendere le giuste decisioni.

Questo è il primo passo verso una buona gestione della cosa pubblica e questo sarà il fulcro attorno al quale ruoterà la partecipazione del gruppo Toscanella all’interno della Lista Civica TUSCANIA PARTECIPA. Insieme a portare avanti i punti condivisi del nostro programma, ci impegneremo, una volta chiamati ad amministrare il paese, ad essere la voce dell’amministrazione tra i cittadini e la voce dei cittadini nell’amministrazione.

Pierangelo Santi (candidato gruppo Toscanella nella lista Tuscania Partecipa)

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

DOBBIAMO MOLLARE? /ultimo articolo su TarquiniaCittà di Luigi Daga. La mafia anche a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Tesori di Etruria: scopriamo il Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

PALAZZO E VILLA FARNESE A CAPRAROLA, COSA VEDERE, VISITE GUIDATE ED INFO

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...