ROCCALBEGNA - GROSSETO ( UnoNotizie.it ) Ancora un atto intimidatorio nei confronti delle istituzioni, del WWF e soprattutto dell’ambiente si è registrato nel corso della notte a Roccalbegna.

Giovedì 11 giugno Roberta Margiacchi, guardia dell’Oasi WWF di Bosco Rocconi, si è trovata davanti ad un ennesimo atto vandalico, prontamente denunciato dal WWF ai Carabinieri.
La Land Rover  dell’oasi, acquistata grazie al contributo del Monte dei Paschi, è stata insozzata con della vernice spray,  con anche un messaggio intimidatorio “Agosto fuoco”.
Stessa sorte è toccata al nuovo Centro Visite della Provincia, recentemente terminato e alla cartellonistica,  che illustrava le caratteristiche di tutte le Riserve Naturali della Provincia di Grosseto.

Non sappiamo se il buontempone abbia voluto avvisare i suoi concittadini che ci sarà un’estate torrida, magari dovuta ai cambiamenti climatici, che  interesserà in modo particolare la bellissima cittadina dell’entroterra maremmano; certo è che avrebbe potuto trovare modi diversi per farlo, manifestando apertamente e più chiaramente il suo pensiero.

“Non sottovalutiamo l’episodio che riteniamo un pericoloso avvertimento, come abbiamo denunciato  ai Carabinieri. Certi atteggiamenti fanno parte di una cultura non propensa al dialogo ma il WWF è certo che gli abitanti di Roccalbegna aiuteranno ad isolare coloro che utilizzano la minaccia e l’aggressione per esprimere le proprie opinioni” ha dichiarato il WWF Italia.
 
Il WWF, con il contributo di tantissime persone ha acquistato l’Oasi di Rocconi nel 1995, sottraendola a rischi di tagli o speculazioni; nel 1998 è stata istituita la Riserva Naturale Regionale, di cui l’Oasi è parte, che oggi a sua volta è integrata nell’area Sic e Zps di Monte Labbro e Alta valle dell’Albegna.
Recentemente l’Oasi si è ulteriormente ingrandita grazie al contributo di una coppia di sposi, che hanno chiesto ad amici e parenti di ricevere, come regalo di nozze, una donazione, al fine di permettere al WWF di proteggere un altro tassello di natura selvaggia.

La sua tutela non rappresenta solamente un volano economico per l’intera area, ma un luogo dove, ignari dell’accaduto,  il falco lanario, il falco pellegrino, il biancone e tanti altri animali e piante continuano vivere e riprodursi, forse nella speranza che alcuni uomini possano illuminarsi.

- Uno notizie ambiente Toscana Grosseto-

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

TUSCIA, FARNESE / la Riserva del Lamone, dove flora e fauna vivono incontaminate

La Riserva del Lamone è situata in provincia di Viterbo, nel Comune di Farnese, nel cuore della...

REPORT, RAI3, Lunedì alle 21:20. Noccioleti, fitofarmaci e aumento dei tumori

Nella zona del viterbese tra Nepi e il lago di Vico il 90 per cento del patrimonio arboreo è...

Il libro di Antonello Durante per capire il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...