POTENZA (UnoNotizie.it)

 

In seguito della nota stampa dell'Arpab - pubblicata in data 17 Giugno 2009 sul portale istituzionale della Regione Basilicata - inerente la Conferenza di Servizi per l'approvazione del Piano di Caratterizzazione dell’impianto termovalorizzatore della Fenice di San Nicola di Melfi, la OLA (Organizzazione Lucana Ambientalista) - Coordinamento apartitico territoriale di Associazioni, Comitati, Movimenti e Cittadini - ha provveduto, previo contatto telefonico con il Sindaco di Melfi, Ernesto Navazio, ad inviare una nota all'amministrazione comunale, nella quale chiede di adottare un provvedimento amministrativo urgente che stabilisca tempi e modalità della caratterizzazione dell'area soggetta ad inquinamento e relativa bonifica, secondo la normativa vigente.

 

Nello specifico, estremamente indicativo è il Decreto Ministeriale n.471/1999, nel quale il comma 2 dell'articolo 8 sancisce che “il Comune, ricevuta la comunicazione di cui al comma 1, con propria ordinanza diffida il responsabile dell'inquinamento ad adottare i necessari interventi di messa in sicurezza d'emergenza, di bonifica e ripristino ambientale [...]” e il comma 1 dell'articolo 10 introduce l'allegato 4, che regola i livelli di approfondimenti tecnici progressivi in: “Piano della caratterizzazione, Progetto preliminare e Progetto definitivo. I criteri generali stabiliti nell'Allegato 4 si applicano fino alla determinazione delle linee guida e dei criteri [...]”.

 

Alle rassicurazioni avute in questa direzione dal primo cittadino di Melfi - nei confronti del quale prendiamo positivamente atto dei contenuti dell'Ordinanza del 22 Maggio 2009, con la quale - visto l'articolo 250 del Decreto Legislativo n.152 del 3 Aprile 2006 - si obbliga Fenice Spa all'esecuzione degli interventi di messa in sicurezza del termodistruttore - secondo la OLA, devono seguire tutta una serie di atti amministrativi che individuino tra l'altro i responsabili dei procedimenti, con le necessarie e conseguenti azioni di trasparenza. In proposito è auspicabile che il Comune di Melfi pubblichi sul proprio sito internet, così come dovrebbe fare prioritariamente la stessa Arpab, che al momento preferisce trincerarsi più nella teoria che nella prassi, gli atti relativi al complesso iter che deve preludere alla bonifica integrale del sito inquinato.

 

- Uno Notizie Potenza -

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

TUSCIA, FARNESE / la Riserva del Lamone, dove flora e fauna vivono incontaminate

La Riserva del Lamone è situata in provincia di Viterbo, nel Comune di Farnese, nel cuore della...

REPORT, RAI3, Lunedì alle 21:20. Noccioleti, fitofarmaci e aumento dei tumori

Nella zona del viterbese tra Nepi e il lago di Vico il 90 per cento del patrimonio arboreo è...

Il libro di Antonello Durante per capire il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...