POTENZA (UnoNotizie.it)

Mentre l’Assessore all’Ambiente Vincenzo Santochirico si dichiara “disponibile alla sfida ambientale”, durante la presentazione del sistema natura in Basilicata, il Senato vara definitivamente la legge che detta norme “per lo sviluppo e l’internazionalizzazione delle imprese, nonché in materia di energia” che riporta il Paese nel baratro della preistoria della cultura ambientalista.

Con la riproposta del nucleare e con il patto che sancisce il primato delle decisioni dell’industria privata sulla volontà dei cittadini, delle comunità locali e regionali, abbiamo sentito plaudire i Parlamentari Lucani del PDL ai 10-20 centesimi di sconto sulla benzina che la legge riconoscerebbe ai Lucani per il fatto di ospitare il più grande giacimento petrolifero d’Europa. In realtà questo rappresenta solo il naturale epilogo di una vicenda che porta tutti i poteri al governo in materia di  autorizzazioni di ricerca ed estrazioni di petrolio ed in specifico ad un suo Ufficio Periferico con sede a Napoli denominato UNMIG (Ufficio Nazionale Minerario Idrocarburi Geotermia).

Un semplice Ufficio decentrato del Ministero dello Sviluppo Economico che diviene una sorta di Protettorato della Basilicata ove si decidono in modo unilaterale nell’ambito del “procedimento unico” (art 46 della legge varata dal Senato) i permessi di ricerca petrolifera e le estrazioni di greggio in mare e terraferma, relegando Regione e Comuni al ruolo di  “zimbelli istituzionali”. Infatti L’UNMIG decide in virtù del potere attribuitogli dalla legge considerando le opere petrolifere “di pubblica utilità” anche in deroga a diverse prescrizioni sancite da Piani Regionali e Comunali comunicando semplicemente ai Comuni le proprie decisioni.

Cade così, in cambio di pochi centesimi di sconto sulla benzina riconosciuta ai Lucani, il teorema del “Petroleum System” basato sulle “royalties” sul quale ha investito la politica regionale che palesa il fallimento di una programmazione tutta incentrata a riconoscere il potere alle multinazionali dei rifiuti e dell’energia. In questa dimensione le dichiarazioni del Presidente De Filippo che vorrebbero la Basilicata libera da nucleare appaiono vuote e non fondate da alcuna volontà di ribadire con i fatti il ruolo istituzionale dell’Ente Regione che predica bene ma razzola male, accontentandosi delle elemosine e svendendo il territorio lucano.

- Uno Notizie Potenza -

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Bolzano, scopriamo il colore e il canto delle Dolomiti

Bolzano, progetto \"Car Is Over\", una proposta di regolamentazione del...

FRANCIA, IL TURISMO SOSTENIBILE NEL SEGNO DELL’ ACQUA

E’ stata presentata a Roma, all’Ambasciata di Francia, alla presenza dell’Ambasciatore...

Il libro di Antonello Durante ci spiega il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

TUSCIA, FARNESE / la Riserva del Lamone, dove flora e fauna vivono incontaminate

La Riserva del Lamone è situata in provincia di Viterbo, nel Comune di Farnese, nel cuore della...

REPORT, RAI3, Lunedì alle 21:20. Noccioleti, fitofarmaci e aumento dei tumori

Nella zona del viterbese tra Nepi e il lago di Vico il 90 per cento del patrimonio arboreo è...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...