BRINDISI (UnoNotizie.it)

Consideriamo utilissima la manifestazione di protesta e di sensibilizzazione messa in atto a Brindisi dagli attivisti di Greenpeace che hanno pacificamente richiamato l’attenzione del mondo sul nastro trasportatore e sui camini della centrale a carbone di Cerano sottolineando la grande quantità di anidride carbonica (CO2) emessa annualmente dalla stessa.

L’occasione è utile però anche per ricordare alla cittadinanza ed alle istituzioni che l’area industriale di Brindisi deve essere oggetto di un attento esame dal punto di vista delle ricadute sulla salute non solo per le emissioni di CO2 e non solo per le emissioni di Cerano.

A più riprese abbiamo riproposto i dati delle emissioni in aria ed in acqua estratti dal registro INES dove vengono annotati i dati che superano un determinato valore soglia. Ritroviamo così alcune emissioni delle più importanti aziende dell’area industriale (Centrali Brindisi Sud, Edipower, Enipower, Polimeri Europa) che superano la soglia oltre la quale è obbligatoria la trasmissione dei dati al Registro INES. A queste emissioni bisogna aggiungere quelle prodotte da queste stesse aziende o da aziende minori per dimensioni; emissioni che, sebbene al di sotto della soglia “amministrativa” costituiscono comunque un rischio per la salute pubblica.

Vale la pena ricordare che, tra le sostanza emesse, oltre all’anidride carbonica ritroviamo anche ammoniaca, ossidi di azoto e di zolfo, arsenico,cromo mercurio, nichel e piombo; che queste ultime 5 sostanze vengono emesse anche in acqua; e che è, pertanto, alta la probabilità di ritrovare questi veleni nella catena alimentare.

Tutta da esplorare è poi la questione della radioattività intorno alle centrali a carbone che non ci risulta essere stata stimata dopo il lavoro del 1994 dell’arpa Toscana. In quella sede si ipotizzò che nei 500 metri circostanti alle centrali ci fosse una esposizione di 300 microSievert all’anno. Si tratta, per capirci, dell’equivalente di circa 3 radiografie del torace, per un quantitativo di carbone di 4 milioni di tonnellate. È facile fare i conti su come, a causa dell’aumento dell’uso del carbone, si sia evoluta l’esposizione a radiazioni negli anni successivi a quello studio.

Ai dati ambientali richiamati, si aggiungono le evidenze di studi epidemiologici condotti sin dal 1995 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Evidenze ribadite dai risultati di ricerche svolte dall’Istituto Superiore di Sanità e dall’Istituto di Fisiologia Clinica del CNR. Risultati pubblicati su riviste scientifiche nazionali e internazionali che evidenziano eccessi di mortalità ed incidenza per alcuni tipi di tumori.
Un recente studio commissionato dall’Amministrazione Provinciale di Brindisi sugli effetti di alcuni inquinanti hanno rilevato l’aumento del rischio di mortalità e di ricovero in coincidenza con il peggioramento della qualità dell’aria.

Il cerchio di una seria valutazione sanitaria ed ambientale della situazione brindisina e salentina (non dimentichiamo le interazioni con la realtà di Taranto) si chiude con le bonifiche dei terreni inquinati che rappresentano di per sé una fonte di esposizione nociva per lavoratori e cittadini soprattutto se gli inquinanti hanno raggiunto o raggiungeranno, in attesa della bonifica, la falda sotterranea e quindi le persone. Le resistenze, anche in sede giudiziaria, da parte delle aziende a provvedere alla bonifica dimostrano ancora una volta che i danni ed i costi dell’inquinamento ricadono sempre sulla collettività e mai su chi dall’inquinamento ha tratto profitto. Modello questo a cui assistiamo anche per le malattie professionali ed ambientali il cui costo ricade oggi quasi esclusivamente sulla fiscalità generale.

È necessario quindi avviare un serio esame della situazione ambientale e sanitaria per proporre soluzioni in grado quanto meno di ridurre i rischi attuali per la salute collettiva. Gli Enti locali, recente rinnovati, sono chiamati, ancora una volta, a dare risposte concrete.

Medicina Democratica – Gino Stasi
Salute Pubblica – Stefano Palmisano

- Uno Notizie Brindisi -

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

FRANCIA TURISMO SOSTENIBILE NEL SEGNO DELL’ACQUA

E’ stata presentata a Roma, all’Ambasciata di Francia, alla presenza dell’Ambasciatore...

Il libro di Antonello Durante ci spiega il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

TUSCIA, FARNESE / la Riserva del Lamone, dove flora e fauna vivono incontaminate

La Riserva del Lamone è situata in provincia di Viterbo, nel Comune di Farnese, nel cuore della...

REPORT, RAI3, Lunedì alle 21:20. Noccioleti, fitofarmaci e aumento dei tumori

Nella zona del viterbese tra Nepi e il lago di Vico il 90 per cento del patrimonio arboreo è...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...