CIVITAVECCHIA - ROMA (UnoNotizie.it)

Acerra e Civitavecchia condividono l'imposizione di un'opera dannosissima per la salute degli abitanti, in un caso l'inceneritore, nell'altro una mega centrale a carbone. La cordata protettiva degli impianti, affinchè entrino in funzione,  è la stessa: Berlusconi, i Presidenti di regione e i sindaci.

Opere che avvelenano e uccidono ampi territori entrano in funzione per la complicità senza scrupoli tra i guadagni smisurati di chi inquina e le ambizioni, economiche e di carriera, di chi decide, a tutti i livelli.
L'inceneritore di Acerra e la centrale a carbone di Civitavecchia non hanno le carte in regola per funzionare. Questo spiega l'interesse dell'inquinatore a togliere l'autonomia di agire al controllore per fermare appena possibile l'impianto. Di fronte a dati scientifici inoppugnabili su emissioni e danni, i complici dell'inquinatore tentano di diffondere parole colpevolmente tranquillizzanti: "monitoreremo", "verificheremo se inquina e se inquina la faremo chiudere", "ci sono le centraline e i controlli", "non l'abbiamo voluta noi".  Malafede allo stato puro, l'impianto l'ha voluto ognuno di quelli che hanno il dovere di parlare e traggono un vantaggio criminale dal suo funzionamento tacendo.

I controlli ambientali a Civitavecchia ed Acerra dovrebbero essere un presidio di difesa e in condizioni normali non potrebbero far altro che attestare come gli impianti ammazzano, invece a Civitavecchia come ad Acerra, gli Osservatori Ambientali seguono uno stesso diverso tragico destino. Chi inquina non vuole strutture di controllo antagoniste, bensì un controllore già testato.

E così il carbone a Civitavecchia lo presidia tal Dott. Coleine che nel 2003, nonostante una scandalosa Valutazione d'impatto Ambientale dell'Impianto, da consigliere comunale disse Si alla nuova centrale secondo la formula De Sio: "no, no, no e poi si", deliberando a favore del carbone dopo aver sostenuto a lungo e con veemenza la propria contrarietà. E a guardia dell'inceneritore di Acerra c'è tal Dott. Gennaro Volpicelli, già presidente della Commissione di collaudo dell'inceneritore, impianto per sua natura destinato a produrre quantità letali di diossina, sostanza che non riescono ad evitare nella nordica Brescia: figuriamoci cosa accadrà in terra di camorra. Non è un caso che proprio quando stava per essere superato, (34 rilevati contro 35 ammessi) il numero di sforamenti della quantità limite di polveri sottili, ad  Acerra è accaduto un fatto ben noto a Civitavecchia: le centraline sono andate fuori uso.

L'Alto Lazio però non ci sta e sta portando avanti controlli autonomi, autofinanziati con il  contributo di tanta gente, mirati a sapere cosa si respira, perché nessuno si fida dei finti controllori istituzionali. Conoscere in modo non taroccato la qualità dell'aria può dare risultati immediati per cacciare l'inquinatore e tutti i suoi complici.

Comitato dei Cittadini Liberi di Tarquinia

www.cittadiniliberi.blogspot.com
www.nocoketarquinia.splinder.com

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

DOBBIAMO MOLLARE ? /l'ultimo articolo su Tarquinia Città di Luigi Daga. Parla anche della mafia a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...

Italia Nostra Etruria: su completamento SS 675 decisivo solo parere Corte di Giustizia Unione Europea

Non siamo appassionati delle corse della politica ad accreditarsi meriti spesso poco reali sui...

Viterbo, terremoto oggi: scossa di terremoto ad Arlena di Castro

Lazio, ultime notizie Tuscia: scossa di terremoto di oggi in provincia di Viterbo. Un...

RICORDIAMO PEPPINO IMPASTATO NELL' ANNIVERSARIO DELLA MORTE

Ricorre l'anniversario della morte di Peppino Impastato, assassinato dalla mafia il 9 maggio...