TARQUINIA - VITERBO (UnoNotizie.it)

Si tratta di una pessima quanto dannosa nonché diffusa abitudine degli Enti locali a non considerare il benessere degli animali detenuti in queste strutture.
Generalmente, infatti, anche nei canili pubblici si sorvola con facilità sugli adempimenti strutturali che da decenni ormai le leggi imporrebbero e si cambia in continuazione il personale in essi operante con evidente aggravio sulle condizioni di detenzione dei cani.
In questo modo non si attivano i necessari processi di aggiornamento e specializzazione del personale, si interrompono continuamente i legami affettivi che gli animali instaurano con esso, con il risultato che la psiche di questi animali ne risente, rallentando ulteriormente i processi di affidamento.
Insomma, il canile è visto tuttora come una discarica dove recludere gli animali incustoditi o randagi, utile unicamente come luogo di temporanea occupazione per qualcuno.

Insistiamo affinché, cogliendo l’occasione, si attui una svolta culturale oltre che amministrativa.

Entro il 10 agosto 2009 il Comune di Tarquinia riceverà le offerte di Associazioni di protezione degli animali, società, cooperative, ditte che intendano assumere la gestione del canile municipale sito in località Monterana.

Nell’annuncio, visibile alla pagina http://www.comune.tarquinia.vt.it/archivio4_bandi-di-gara_0_29_0_1.html, il comune scrive che “Il criterio di selezione prescelto è quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa.”

Ricordiamo  all’Amministrazione comunale la Circolare Ministeriale n.5 del 2001 a firma del Ministro Veronesi che, in riferimento alla Legge Quadro sul randagismo, precisa che la norma impone agli Enti pubblici l’assegnazione in gestione delle strutture canile “prioritariamente alle associazioni o agli enti aventi finalità di protezione degli animali” stabilendo inoltre che “il criterio  dell'economicità (…) deve essere  riferito  non  solamente  a  chi garantisce i minori costi di gestione  dei  canili  ma  soprattutto  a  chi  garantisce  anche  il benessere  degli  animali”.

Insomma, prima si accolgono le richieste di acquisizione in gestione della struttura e, poi, se vi sono Associazioni che ne fanno domanda, si sceglie fra queste quale offre il maggior benessere agli animali (ad esempio in relazione al numero di persone che intendono operare nella struttura, alla conoscenza del territorio, ai curricula, ecc.) e, solo successivamente, se ne considerano i costi.

Christiana Soccini
Responsabile territoriale LAV Onlus
Ass. animalista e Ambientalista
www.lav.it
PdR Tarquinia, VT
csoccin@tiscali.it

- Uno Notizie Tarquinia -

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

DOBBIAMO MOLLARE ? /l'ultimo articolo su Tarquinia Città di Luigi Daga. Parla anche della mafia a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...

Italia Nostra Etruria: su completamento SS 675 decisivo solo parere Corte di Giustizia Unione Europea

Non siamo appassionati delle corse della politica ad accreditarsi meriti spesso poco reali sui...

Viterbo, terremoto oggi: scossa di terremoto ad Arlena di Castro

Lazio, ultime notizie Tuscia: scossa di terremoto di oggi in provincia di Viterbo. Un...

RICORDIAMO PEPPINO IMPASTATO NELL' ANNIVERSARIO DELLA MORTE

Ricorre l'anniversario della morte di Peppino Impastato, assassinato dalla mafia il 9 maggio...