CAGLIARI ( UnoNotizie.it )

Cancro e ricerca: lotta al tumore - Dal Dipartimento di Scienze Chimiche dell’Università di Cagliari arrivano le nanoparticelle che potrebbero salvarci da un tumore.
È noto che nei confronti di un tumore si portano avanti delle azioni che spesso hanno effetti devastanti anche sui tessuti sani. Basta pensare alla chemioterapia e a tutte le sue conseguenze. Uno dei campi di maggiore interesse della ricerca svolta in campo biomedico è proprio quello di riuscire a indirizzare il farmaco solo sull’organo malato evitando che vengano sottoposte ad effetti dannosi le altre parti del corpo.

Il lavoro svolto dal gruppo di scienze chimiche guidato dalla Prof.ssa Anna Musinu, ha portato alla sintesi di piccole particelle magnetiche (nanomagneti) che possono essere guidate dall’azione di un opportuno campo magnetico. Le nanoparticelle possono essere pensate come delle piccole navicelle capaci di navigare nel flusso sanguigno e dirette da un unico comandante (il campo magnetico).

Una delle loro possibili applicazioni è la somministrazione guidata del farmaco. Una volta “agganciato” il farmaco, le nanoparticelle possono essere guidate verso la zona colpita da tumore e, giunte nel punto desiderato, rilasciare il loro carico solo dove necessario. In questo modo il farmaco può agire in maniera puntuale senza recare danni ai tessuti sani circostanti.

Non solo. Per le nanoparticelle è in fase di studio un’altra importante applicazione biomedica: la distruzione di un tumore localizzato attraverso l’ipertermia. Le cellule cancerogene possono infatti essere soppresse  innalzando la loro temperatura a 42.5ºC e mantenendola tale per più di 30 minuti. Guidati fino all’esatto punto in cui si trova il tumore, i nano magneti possono agganciare le cellule tumorali e, sotto l’azione di un campo magnetico variabile di intensità opportuna, essere costretti ad oscillare liberando calore fino al raggiungimento della temperatura critica per la sopravvivenza delle cellule tumorali. Il fenomeno descritto è lo stesso che caratterizza il principio di funzionamento del forno a microonde.

Allo stato attuale il gruppo di ricerca si dedica alla preparazione delle nanoparticelle ovvero si occupa di sintetizzarle, di caratterizzarle valutando le loro proprietà  strutturali e magnetiche, e di inglobarle nei liposomi, microsfere cave formate da uno o più doppi strati lipidici, ottenendo quelli che vengono chiamati magneto-liposomi. I liposomi infatti sono considerati un ottimo strumento di somministrazione di farmaci grazie alla loro qualità di essere assorbibili da ogni cellula e di rilasciare il loro contenuto lentamente.

Nell’analisi delle nanoparticelle viene prestata una particolare attenzione alle loro dimensioni. I nano magneti devono essere di circa 20 nanometri. Se le dimensioni sono maggiori potrebbero ostruire i vasi; se le dimensioni sono inferiori potrebbero venire fagocitati dai macrofagi, cellule tissutali la cui funzione principale è la fagocitosi cioè la capacità di inglobare particelle estranee e di distruggerle.

I nanomagneti possono essere di ossido di ferro oppure di ferrite di cobalto. La ferrite di cobalto ha il vantaggio di poter essere guidate in modo più efficace dal campo magnetico perche le sue proprietà magnetiche dipendono fortemente dalla direzione lungo la quale vengono considerate (anisotropia magnetica). Al contrario delle nanoparticelle di ossido di ferro, quelle in ferrite di cobalto necessitano però di essere rivestite, in genere con silice, per eliminare gli effetti tossici e di essere funzionalizzate.

Una volta compiuta la loro missione, i nanomagneti possono essere lasciati all’interno del corpo umano cosi da essere “mangiati” dal sistema dei macrofagi, se sono di ossido di ferro; si devono invece accompagnare verso l’uscita, se sono di ferrite di cobalto.
Gli sviluppi futuri di questa ricerca richiedono uno studio multidisciplinare che prevede per ora una collaborazione con gruppi di ricerca di Dipartimenti di Farmacia e Medicina. Una volta valutata la tossicità nelle cellule si pensa infatti di passare alla sperimentazione in vitro e in vivo sui ratti.

- Uno Notizie SARDEGNA Cagliari -

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Scienza-tech

SPECIALI RAGGI UVC UCCIDONO I VIRUS / America: lampada a raggi ultravioletti per ambienti pubblici

Ultime news scienza - UnoNotizie.it - Presto una lampada a speciali raggi UVC, che non danneggiano...

Viterbo, il virtuale ci salverà: il futuro della comunicazione dopo il Coronavirus

Viterbo, 21 aprile 2020 – Dopo il grande successo di partecipazione dei precedenti incontri...

SCIENZA / in Australia ritrovato antico cratere creato da impatto di asteroide

Grande scoperta scientifica a Yarrabubba, all'interno di una lontana regione desertica...

Viterbo Sotterranea: venerdì un viaggio nelle profondità della mente umana

Un viaggio nelle profondità della mente umana alla scoperta di come i meccanismi del pensiero e...

ANTARTIDE / la fonte radioattiva nel sottosuolo accelerebbe lo scioglimento dei ghiacci

ultime news - UnoNotizie.it - Scoperta sotto l'Antartide una fonte di calore radioattiva che dal...

CINA, CLONAZIONE / clonate le prime 5 scimmie malate, sono modificate geneticamente per diventre insonni

Ultime news - unonotizie.it - Sono nati i primi cloni di animali portatori di malattie. Sono 5...

"PATTO PER LA SCIENZA" / Grillo e Renzi firmano patto per sostenere ricerca scientifica proposto dall'immunologo Burioni

Ultime news - unonotizie.it - Ci sono anche Beppe Grillo e Matteo Renzi fra i firmatari di un...

APPLE BREVETTA AURICOLARI BIOMETRICI / misurano battito e temperatura per monitorare salute e attività fisica

Ultime news - Unonotizie.it - Apple ha registrato un brevetto per auricolari più evoluti rispetto...