ROMA (UnoNotizie.it)

Secondo la Commissione Europea il tonno rosso dovrebbe venire inserito nella lista delle specie in pericolo di estinzione, bloccando il commercio internazionale diretto soprattutto al mercato giapponese. L’Italia invece sta già rimediando un’altra figuraccia internazionale: nel 2008 si è espressa a favore del blocco totale di questo tipo di pesca mentre ora non vuole lo stop alle esportazioni!
Il tonno rosso ha subito, negli ultimi anni, una pesca dissennata e lo stock è da tempo in gravissima crisi, e la specie è a rischio non meno di altre in stato critico come le balene, il lupo,  e la lontra.

Greenpeace accoglie con soddisfazione, dopo anni di battaglie e segnalazioni, la decisione di ieri della Commissione Europea di sostenere il divieto per il commercio internazionale del tonno rosso del Mediterraneo e del Nord Atlantico, ma non comprende i motivi che spingono l’Italia ad opporsi a tale decisione dopo essersi battuta per un blocco totale della pesca alla riunione della Commissione Internazionale per la Conservazione del Tonno Rosso (ICCAT) tenutasi a Marrachesh nel novembre 2008.

La Commissione UE ha ufficialmente sostenuto la proposta di Monaco-Montecarlo per l’inserimento del tonno rosso nell’Alleagato I della Convenzione Internazionale sul Commercio delle Specie in Pericolo (CITES). Ciò implicherebbe la effettiva sospensione del commercio internazionale del tonno rosso fino a che la specie non venga più considerata minacciata da estinzione. L’industria del tonno rosso in Italia muove secondo fonti non ufficiali un giro d’affari di circa cento milioni di Euro l’anno, con un commercio per il 90 per cento destinato al Giappone.

La proposta di includere il tonno rosso nella lista delle specie in pericolo è già stata sostenuta dal presidente francese,  Nicolas Sarkozy, insieme a altri paesi europei tra cui il Regno Unito, l’Olanda, la Germania, la Polonia e l’Austria. Il prossimo 21 settembre l’Unione Europea dovrà raggiungere una posizione comune in vista della riunione della Parti della CITES che si terrà nel marzo prossimo a Doha, nel Qatar.

“La popolazione di tonno rosso è scesa negli ultimi anni a livelli criticamente bassi. Chiunque si opponga al proposto divieto commerciale sta chiaramente mettendo interessi commerciali a breve termine al di sopra della sopravvivenza della specie. In coerenza con le posizioni assunte l’anno scorso all’ICCAT, ci aspettiamo che anche l’Italia appoggi questa” auspica Alessandro Giannì, direttore delle Campagne di Greenpeace Italia.

Nel 2007 le quote concesse per la pesca al tonno rosso superavano ancora di più del doppio i limiti consigliati dal comitato scientifico per garantire la sopravvivenza e la riproduzione della specie, mentre la pesca illegale in realtà quadruplicava il prelievo totale. Adesso le quote sono state ridotte, ma i controlli sono solo parziali e gli stessi pescatori italiani lamentano che in altri Paesi le attività illegali continuano. 
“Gli stock di tonno rosso sono in pericolo a causa della cattiva gestione e della pesca illegale.. La sospensione del commercio è ormai l’ultima opportunità ed è a tutto vantaggio dei pescatori onesti perché aumenta le possibilità di recupero dello stock” sostiene Giannì.

- Uno Notizie Roma -

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...