ACQUAPENDENTE ( UnoNotizie.it )
 
Qualità, eleganza, magia, perfezione nella riproduzione storica e artistica del passato sono solo alcuni degli aggettivi utilizzati, da chi ha partecipato a “Ponti nel Tempo”, la manifestazione organizzata a Torre Alfina dal 4 al 6 settembre in onore della Madonna del Santo Amore, per descrivere l’intera manifestazione. Tra le numerose personalità che hanno accettato l’invito, ringraziando poi per aver avuto la possibilità di assistere ad uno spettacolo così bello e suggestivo, l’Assessore alla Cultura della Provincia di Viterbo Fausto Furietti e il Dirigente settore cultura della Provincia di Viterbo Luigi Celestini, l’On. Giuseppe Parroncini Capogruppo PD alla Regione Lazio, il Sindaco di Castelgiorgio e S. Lorenzo Nuovo, i vertici dei Carabinieri e della Guardia di Finanza di Montefiascone, l’Assessore alla Cultura del Comune di Porano. Gli ospiti hanno apprezzato particolarmente lo spirito di “Ponti nel Tempo”, le riproduzioni storiche del borgo come insegnamento per i nostri giorni, quindi l’idea di vivere il passato per comprendere il presente. Grande successo, poi, per l’arredo urbano con le fioriere, il giardino temporaneo all’italiana, che verrà ora donato dall’Associazione Astorre al borgo di Torre Alfina e impiantato nei giardini di Piazzale S. Angelo, le sculture di fiori rappresentanti il fuoco e gli addobbi delle chiese.

Il tema dell’edizione di quest’anno era “Un viaggio… tra fuoco musica e danza”, avendo sempre come filo conduttore l’amore rappresentato in ogni suo aspetto. Durante la cerimonia di inaugurazione, dopo i saluti del Sindaco di Acquapendente Alberto Bambini e dell’Assessore alla Cultura Maria Letizia Squarcia, ha molto colpito l’intervento dell’Assessore all’Istruzione del Comune di Acquapendente Orlando Araceli con letture e commenti di poesie sull’amore attraverso i secoli, come pure lo spettacolo delle ballerine fra le mura antiche e i musici. “È fondamentale puntare alla cultura per lo sviluppo turistico del territorio – ha dichiarato poi Parroncini – senza perdere mai di vista la tutela dell’ambiente e la sua valorizzazione attraverso strumenti mirati”.

La tre giorni di festa si è conclusa con lo spettacolo di fuochi d’artificio a terra sulla scalinata del Castello e in aria da Piazzale Belvedere. Il successo della manifestazione, confermato non solo dalla presenza numerosa di turisti locali e forestieri ma soprattutto dalle molte personalità istituzionali, è il risultato del lavoro congiunto dell’Associazione Culturale Astorre con la Pro Loco di Torre Alfina e dei Festaroli Madonna del Santo Amore, a cui va un ringraziamento particolare, e di quanti a vario titolo hanno collaborato all’ottima riuscita della festa. Si annunciano molte novità per il prossimo anno, per i 250 anni di festa in onore della Madonna del Santo Amore. “Ponti nel Tempo” rinnoverà il proprio programma con molte sorprese e appuntamenti a tema per tutto il periodo celebrativo.

 

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

TV, Osvaldo Bevilacqua e Sergio Cesarini promuovono Viterbo

Osvaldo Bevilacqua, giornalista detentore dal 2015 del Guinness World Records TV per il Travel...

Bolzano, Loacker: dolce ricetta aziendale dalla squisita bontà famigliare

Sostenibilità significa avere uno stile di vita rispettoso delle risorse a disposizione, in grado...

DOBBIAMO MOLLARE? /riflessioni su TarquiniaCittà di Luigi Daga. Cita le infiltrazioni mafiose a Tuscania

A seguire l\'articolo scritto 15 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

VITERBO: A PIEDI DAL QUARTIERE RESPOGLIO ALLA QUERCIA ATTRAVERSANDO LO STORICO PERGOLATO

Attualmente a Viterbo il quartiere Respoglio è collegato a La...

Domenica 3 dicembre gratis a Palazzo Farnese di Caprarola e Villa Lante

Un’occasione da non perdere per visitare Villa Lante il meraviglioso parco con i suoi giardini...

Tuscia, a Viterbo prende forma la prima Comunità Energetica locale

È stata costituita a Viterbo, su iniziativa di un gruppo di cittadini, la Comunità Energetica...

Mega-antenna vicina alla storica Basilica della Quercia a Viterbo

Uno scempio contro il paesaggio di Viterbo e i suoi pregevoli monumenti, e un rischio per la...