Catanzaro - Rifiuti radioattivi in mare: allarme in Calabria per le navi affondate nel mar Tirreno con rifiuti radioattivi - Correva l’anno 2006 e precisamente nel mese di gennaio che l’associazione ambientalista Fare Verde Onlus attraverso la sua sede calabrese, a seguito delle risultante emerse dall’indagine condotta dal dott. Francesco Greco, sostituto procuratore di Paola, nell’ambito dell’inchiesta Nettuno, aveva pubblicamente denunciato la gravità della situazione ed il pericolo per la salute dei cittadini-consumatori.
Il 24 gennaio venivano inviate, mediante lettera Raccomandata A/R, al Ministero della Salute ed a quello delle Politiche Agricole richieste di intervento e di monitoraggio attraverso “attente analisi atte a determinare la quantità e la natura delle sostanze disciolte nelle acque attraverso prelievi in prossimità del punto di affondamento delle navi e a profondità variabili oltre all’analisi tossicologica dei pesci che vengono pescati nell’area al fine di determinare l’eventuale grado di avvelenamento delle specie e la loro eventuale tossicità e pericolosità per la salute umana.”. A tali lettere non è mai seguita alcuna risposta.

Se nel 2006 qualcuno aveva tacciato la denuncia di Fare Verde come “facile allarmismo”, alla luce dei fatti emersi in questi giorni, è evidente come il problema fosse stato sottovalutato ed insieme ad esso la gravità delle situazioni ad esso connesse; la denuncia messa in atto da Fare Verde è l’ennesima riprova di un modo serio, attento e concreto di tutelare la Calabria, i calabresi e tutti i cittadini che amano trascorrere le loro vacanze sugli splendidi litorali calabresi. La sede regionale della Calabria di Fare Verde chiede che vengano condotti approfonditi studi ed indagini conoscitve, mediante l’impiego di idonei strumenti di analisi che sono ampiamente disponibili, al fine di determinare natura e quantità degli inquinanti presenti all’interno di queste navi affondate e, soprattutto, il livello di tossicità indotto nei pesci e che, pertanto, entra nella catena alimentare umana.
Fare Verde sostiene pienamente la meritoria attività della Procura di Paola nel combattere tali abominevoli crimini che colpiscono ognuno di noi, riservandosi di costituirsi Parte Civile nei procedimenti contro eventuali responsabili che saranno identificati a seguito delle indagini.

Il Presidente Regionale Fara Verde per la Calabria
Francesco PACIENZA


- Uno Notizie Calabria ( Catanzaro ) -

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...