All’ingresso del Salone dell’auto di Francoforte, gli attivisti di Greenpeace hanno piazzato un’enorme scultura che raffigura il pianeta schiacciato dalle gomme di un’automobile e hanno applicato sui modelli più inquinanti occhi e denti affilati. La protesta è contro le auto ad alto impatto climatico presentate dalle case automobilistiche tedesche.
 
Gli attivisti hanno srotolato striscioni rivolti ai costruttori tedeschi con la scritta “Inquinatori e killer del clima!”, mentre con il messaggio “Stop ai mangia-carburante” hanno esortato il cancelliere tedesco Angela Merkel, presente all’inaugurazione, a prendere posizione contro le emissioni troppo alte delle auto tedesche.
 
“Abbiamo le tecnologie per produrre auto che con 3 litri fanno 100 kilometri, ma il passaggio a automobili efficienti stenta ancora a verificarsi”– sostiene Andrea Lepore, responsabile della campagna Trasporti e Clima di Greenpeace. “Mentre l’industria dell’auto è in grado di proporre modelli a basso impatto ambientale, i produttori tedeschi continuano a costruire automobili sempre più pesanti e potenti”.
Il rapporto appena pubblicato dall’organizzazione ‘Transport & Environment’, che si basa sui dati ufficiali della Commissione europea, mostra chiaramente che mentre alcune case automobilistiche stanno facendo passi in avanti per ridurre le emissioni, altre sono ancora molto lontane dagli obiettivi fissati dall’Ue per il 2012 e il 2015. La media attuale delle emissioni dei costruttori europei è di 153 grammi per kilometro, molto lontana dai 140 g/km che ben dieci anni fa le case automobilistiche avevano promesso di raggiungere entro il 2008.
 
In base ai dati di Transport & Environment’, il primato per le emissioni medie più alte spetta a Daimler/Mercedes, con ben 175g/km di CO2. Il dato è del 23% superiore alle emissioni che le auto della casa tedesca dovranno raggiungere entro il 2015.
 
“Le nuove tecnologie ibride ed elettriche offrono enormi opportunità per il futuro - spiega Andrea Lepore - Ma per raggiungere risultati importanti nel breve periodo, utilizzando le tecnologie già  disponibili, tutte le case automobilistiche possono e devono produrre automobili più leggere ed efficienti.”
 
Il rapporto di ‘Transport & Environment’:
http://www.transportenvironment.org/Publications/prep_hand_out/lid:549


- Uno Notizie Francoforte -

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...